Paola Turci racconta l’album “Viva da Morire”

0
Paola Turci

Paola Turci ha presentato ieri il suo nuovo album Viva da morire, in uscita il 15 marzo. Per questa serata speciale in cui ha aperto le porte alla stampa per raccontare un album potente nel celebrare la vita, ha scelto un co-pilota particolare che la affiancasse sul palco durante la presentazione, ovvero Beppe Fiorello, con cui si è esibita a Sanremo con L’ultimo ostacolo durante la serata dei duetti.

Beppe ha ragione quando dice che Paola non assomiglia a nessuno, se non a sé stessa. L’eleganza con cui riempie il palco è pari solo all’energia che sprigiona nel cantare la vita, con i suoi alti e i suoi bassi, trovando la sua massima espressione in questo disco. Il titolo, Viva da morire, è già di per sé un chiaro rimando alla forza d’animo di chi la vita l’ha saputa prendere per le corna.

Dieci sono le tracce dell’album prodotto da Luca Chiaravalli, a cui Paola dedica un ringraziamento speciale e che definisce “l’anima del disco“.

Viva da morire è soprattutto la frase – virata al femminile – che Luca Chiaravalli ha esclamato nel suo letto d’ospedale, al risveglio da un ennesimo intervento. Racconta di essistenze come le nostre che a un certo punto hanno avuto un incidente, un imprevisto, un inciampo e ci stavano sfuggendo via, ma poi le abbiamo riprese“.

Per completare il disco ci è voluto più tempo a causa degli imprevisti che a volte si frappongono fra la partenza e l’arrivo di una corsa a ostacoli, ma come spiega Paola “il disco non lo avrei voluto fare con nessun altro“.

I brani del disco hanno tutti un arrangiamento musicale proprio e la raccontano in maniera puntuale, nonostante in questo disco lei sia più interprete che autrice:

Ci sono io adolescente (sulla vespa 50, e Patti Smith nelle cuffie), io come sono stata (sospesa frastornata), e io come sto (come davanti a una marea che inonda e si ritrae), dove va il mio desiderio (verso un due che vorrei).

Molti gli autori importanti che hanno collaborato con lei, da Shade con cui duetta nel brano Le Olimpiadi tutti i giorni, a Nek, Federica Abbate, Giulia Anania, Andrea Bonomo, Davide Sionetta, Gianluigi Fazio e altri.

Fra i brani che fa pre-ascoltare spicca la delicatezza di Piccola, con cui celebra la sua infanzia; i suoi undici anni quando iniziava ad approcciarsi alla musica imbracciando la sua chitarra; “il periodo più bello, quello delle scoperte“, come ci racconta lei.

Subito dopo l’uscita dell’album, Paola incontrerà i fan durante una folta agenda di appuntamenti In-store nelle principali città italiane:

16 marzo DISCOTECA LAZIALE H. 17.00 Via Giolitti ROMA
17marzo FELTRINELLI H.18.00 Piazza Piemonte MILANO
22 marzo FELTRINELLI RED H. 18.00 Piazza della Repubblica FIRENZE
23 marzo FELTRINELLI H. 18.00 Piazza dei Martiri NAPOLI
24marzo FELTRINELLI H. 15.00 Via Melo BARI e FELTRINELLI H. 18.30 Via dei Templari LECCE

A maggio invece presenterà i nuovi brani in due importanti eventi live che si terranno il 13 maggio a Milano  Teatro degli Arcimboldi e il 20 maggio a Roma all’Auditorium Parco dell Musica. Il 12 novembre, invece, partirà da Torino il tour teatrale che toccherà le principali città italiane.

12 novembre – Torino- Teatro Colosseo
14 novembre – Bologna – Teatro Celebrazioni
15 novembre – Mestre – Teatro Corso
19 novembre – Parma – Teatro Regio
21 novembre – Senigallia – Teatro La Fenice
23 novembre – Lecce– Politeama Greco
26 novembre – Catania – Teatro Metropolitan
27 novembre – Palermo – Teatro Golden
30 novembre – Reggio Calabria – Teatro Cilea
2 dicembre – Napoli – Teatro Augusteo
4 dicembre- Forlì – Teatro Fabbri
9 dicembre – Firenze – Teatro Verdi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome