Ex-Otago al Fabrique di Milano: racconto, scaletta e video

0
Ex-Otago
@Lorenzo Santagada

“Abbracciami per favore”: estratto dalla hit sanremese Solo una Canzone, è uno dei versi impressi sulle magliette in vendita al corner merchandising, all’interno del Fabrique di Milano. Una frase che è la sintesi perfetta di una serata che per gli Ex-Otago ha rappresentato il secondo sold out del “Cosa fai questa notte? Tour 2019”: un grandissimo ed emozionante abbraccio con il loro pubblico.

Prima del concerto, la band ha incontrato un gruppo di giornalisti per una breve chiacchierata sul modo in cui la loro musica si sposa con la dimensione live: <<Non definiamo questi live come semplici concerti, ma come vere e proprie “Otagate”: con questa parola intendiamo qualcosa che non ti aspetti, ma che alla fine convince. Ad esempio, come se un deejay andasse in discoteca a suonare liscio, coinvolgendo tutti; oppure, viceversa, come se un deejay suonasse in balera solo musica techno, riuscendo comunque a “gasare”. Ecco, è questa un’Otagata>>. Il gruppo ci tiene a sottolineare di aver estremizzato le due anime del loro mondo musicale, quella intimista e poetica e quella più ballerina, con forti influenze anche dalla dance anni Novanta: <<Non dimentichiamoci che più di dieci anni fa abbiamo fatto una cover di “Rhythm of the Night” di Corona>>, dice il cantante Maurizio Carucci.

L’incontro continua con alcuni commenti sulla scaletta del live: <<Sì, ci sono pochi pezzi datati, ma va bene così. Non amiamo molto guardarci indietro, preferiamo concentrarci sul presente. Questo non significa però rinnegare quanto fatto in passato: ci sono stati dei cambiamenti, sì, ma l’intenzione è quella di restare sempre fedeli a noi stessi>>.

Arriva il momento del live. Il Fabrique è gremito ed entusiasta, e gli Ex-Otago provvedono subito ad emozionarlo con l’intensa e romantica Questa Notte, secondo singolo estratto dall’ultimo album Corochinato. Dopo una prima parte in cui a farla da padrone sono i brani di questo disco (Le macchine che passano, Bambini, Torniamo a casa, Infinito) e una forte presenza strumentale da parte di tutta la band, arriva il momento di trasformare lo show in un dj set. Introdotti da un visual che simula il conto alla rovescia prima dell’arrivo del nuovo anno, i ragazzi improvvisano una danza scatenata su ritmi di rito durante i festeggiamenti del Capodanno e poi fanno ballare il pubblico su La notte chiama e Tutto bene.

Ex-Otago
@Lorenzo Santagada

A questo punto la sala e il palco si oscurano e, quando all’improvviso si sente solo la voce di Maurizio Carucci accompagnata da una chitarra, è necessario qualche secondo di attenzione per capire da dove provenga. Il cantante si è spostato dalla parte opposta del Fabrique, tra gli spettatori, e canta Costa Rica, brano dell’album del 2011 Mezze Stagioni. Questo emozionante momento acustico prosegue con Maurizio che inizia a camminare in mezzo al foltissimo pubblico in platea, cantando Stai tranquillo. La passeggiata del frontman tra i fan si conclude sul palco, con l’esecuzione struggente di Amore che vieni, Amore che vai di Fabrizio De Andrè, illustre concittadino della band.

Il concerto prosegue con alcuni brani dell’amatissimo album Marassi (Mare, La nostra pelle, Quando sono con te), che il pubblico intona a gran voce. Anche l’ultima parte della scaletta è dedicata a questo disco, fatta eccezione per la ballad sanremese Solo una canzone, con cui il gruppo apre l’encore. In questa conclusione, Maurizio e compagni si presentano completamente vestiti di bianco, con un outfit che sembra richiamare i Backstreet Boys di I want it that way.

L’abbraccio finale con cui il Fabrique saluta gli Ex-Otago, sulle note di Ci vuole molto coraggio e Cinghiali incazzati, si chiude con un colpo di scena: Non molto lontano, l’ultimo brano in scaletta, è un remix che non viene eseguito live: Maurizio la canta utilizzando una bottiglia d’acqua come microfono, circondato dalla band che salta scatenata sul palco. Un’altra sorprendente “Otagata” di questa band di “artigiani della musica”.

Ecco un video con immagini del concerto:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

La scaletta della serata:

Questa notte
Le macchine che passano
Bambini
Giovani d’oggi
Torniamo a casa
Infinito
Gli occhi della luna
La notte chiama
Tutto bene
Costa Rica
Stai tranquillo
Amore che vieni, amore che vai
Mare
La nostra pelle
Quando sono con te

BIS

Solo una canzone
Ci vuole molto coraggio
Cinghiali incazzati
Non molto lontano (remix)

Ex-Otago
@Lorenzo Santagada

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome