Tedeschi Trucks Band, due imperdibili date italiane ‘family style’

Susan Tedeschi e Derek Trucks, la coppia più bella e talentuosa del rock-blues, torna nel Belpaese per un doppio appuntamento: mercoledì a Milano (Teatro degli Arcimboldi) e giovedì a Trieste (Politeama Rossetti). Reduci dall’uscita del nuovo album Signs, insieme ai loro dieci e affiatati compagni di viaggio garantiscono jam-show sempre diversi all’insegna del talento, della passione e dell’improvvisazione

0
La Tedeschi Trucks Band al completo

Gli ‘affari di famiglia’, nello show business, sono una cosa seria. E, dimenticando per un momento il banco dei pegni più popolare di Las Vegas, prima di introdurre l’imperdibile doppietta italiana della Tedeschi Trucks Band in programma mercoledì e giovedì sull’asse Milano-Trieste, restiamo doverosamente in un campo musicale d’eccellenza dove le collaborazioni parentali non sono mai mancate.

Figli artisti e genitori manager (o anche il contrario), fratelli sul palco e nella vita reale (per fare qualche nobile esempio: Stevie Ray e Jimmy Vaughan, Edgar e Johnny Winter, gli Allman Bros, gli AcDc, i Van Zant e i Beacon Bros per non dire di Bee Gees, Jackson Five, Carter Family e Staple Singers), fratelli esclusivamente sul palco (da Sly & Family Stone e Blues Brothers fino ai Doobie Brothers e ai Blood Brothers di Springsteen), coppie sul palco e anche nella vita (solo per citarne alcune: John e Yoko, Paul e Linda, Bob e Joan, Bruce & Patti o Richard e Linda Thompson e Delaney & Bonnie, mentre i Fleetwood Mac di seconda generazione, quelli ricchissimi ma slavati e spaccati dagli stravizi, erano invece un autentico casino di promiscuitE). A, andando a ruota libera, potremmo aggiungere senza ambizioni di completezza anche Ike & Tina, Sonny & Cher, Phil e Ronnie Spector, Johnny Cash e June Carter, Ozzy e Sharon, Kurt e Courtney, Sid e Nancy, Patti Smithe e Fred ‘Sonic’ Smith, Lou Reed e Laurie Anderson, Mick e Marianne, Jack e Meg White, Steve Wynn e Linda Pitmon alla batteria, Serge Gainsburg e Jane Birkin (a ruota l’erede Charlotte), Jony Mitchell e Graham Nash o anche Neil e Peggy Young. Infine, proprio volendo esagerare in tema familiare, potremmo ricordare persino i Family (seminale gruppo britannico di metà anni Sessanta, indicativo per il nome ma del tutto privo di consanguinei) o i loro contemporanei Cowsills di Newport, Rhode Island (quattro fratelli, due fratellastri e la mamma che avrebbero addirittura ispirato la serie tv della famiglia Partridge e la conseguente band fittizia ma dalle vendite milionarie), passando per la famigerata Manson Family dove, comunque, i musicisti abbondavano (compreso il ben poco equilibrato capobanda).

Gli straordinari Susan Tedeschi e Derek Trucks, invece, sono qualcosa di diverso e di più complesso. Unico e irripetibile. Probabilmente, una delle tre pseudo jam band (volendo proprio utilizzare un’etichetta che, tuttavia, in questo caso specifico serve più per coinvolgere i cultori che per illuminare i profani) più complete, originali ed entusiasmanti attualmente in circolazione. Parenti stretti dei Govt’t Mule e fratelli maggiori di Marcus King e soci.

Susan Tedeschi e Derek Trucks (Archivio Azalea)

Così, attraverso la solita Barley Arts (coadiuvata nel Friuli Venezia Giulia dall’Azalea Promotion), la coppia più affiatata e schiva del r’n’r contaminato da mille influenze, il blues su tutte, torna in Italia per due date in programma mercoledì 17 aprile al Teatro degli Arcimboldi di Milano e 24 ore più tardi al Politeama Rossetti di Trieste. Due cornici d’eccellenza per un’autentica eccellenza sonora from Jacksonville, Florida (come Lynyrd Skynyrd, Molly Hatchet, Blackfoot, 38 Special o il folle Ryan Adams), in grado di coniugare, è proprio il caso di dirlo, il talento vocale e l’esperienza strumentale di Susan Tedeschi (pluripremiata bostoniana di nove anni più anziana rispetto il coniuge) con la maestria alla slide e la perizia con qualsiasi strumento a corde di Derek Trucks faccia d’angelo, ex bimbo prodigio e nipote d’arte (il batterista Butch era stato tra i fondatori dell’Allman Brothers Band tra i cui ranghi anche Derek venne cooptato per almeno due lustri). Otto anni di vita artistica in comune e altrettanti di solido legame familiare dopo l’archiviazione delle già premiatissime Derek Trucks Band (fondata nel 1994 dall’artista appena 15enne, sui palchi da protagonista già a sei anni) e Susan Tedeschi Band che, tutt’ora, forniscono alcuni componenti del fedele combo da dodici elementi che segue la coppia in sala d’incisione e soprattutto nelle loro infinite tournee con i due figlioletti spesso al seguito.

La copertina di Signs

Due band in una, dunque, per la ‘coppia più bella del rock-blues’ che guida una sorta di comune ambulante consacrata alla valorizzazione dell’improvvisazione e dell’imprevedibilità on stage, alternando brani firmati da entrambi a rivisitazioni personali di cover a 360°, transitando attraverso territori che variano dal soul al jazz, dal southern al soul, al blues e al r’n’ r. Moderatamente prolifici in studio, la loro veste ideale è quella live che spesso li rende protagonisti anche di lunghe ‘residenze’ (come al Beacon Theatre di NYC) con setlist quasi completamente diverse ogni sera.

La Tedeschi Trucks Band on the road (archivio Barley Arts)

Reduci dalla pubblicazione di Signs (anticipato dal singolo Hard Case), uscito lo scorso 15 febbraio per la Fantasy Records/Concord, gli instancabili coniugi aggiungono così al loro già vasto repertorio altri undici canzoni originali nell’ambito dei quali i testi toccano tematiche come sentimenti, politica e intolleranza, temi trattati sempre con estrema onestà ed intelligenza

I biglietti sono disponibili sui circuiti Vivaticket e Ticketone, sia online che ai punti vendita autorizzati. E pare doveroso ribadire ancora una volta di diffidare dai canali di vendita non ufficiali.

Vogliate gradire!

 

 

An Evening With TEDESCHI TRUCKS BAND

 

Mercoledì 17 Aprile 2019

Milano, Teatro degli Arcimboldi – Viale dell’Innovazione, 20

Biglietti:

Poltronissima: € 65,00 + prev.

Platea bassa gold: € 60,00 + prev.

Platea bassa: € 55,00 + prev.

Platea alta: € 50,00 + prev.

I galleria: € 45,00 + prev.

II galleria: € 40,00 + prev.

 

Giovedì 18 Aprile 2019

Trieste, Politeama Rossetti – Largo Giorgio Gaber, 1

Biglietti:

Platea A: € 65,00 + prev.

Platea B: € 55,00 + prev.

Platea C: € 50,00 + prev.

I galleria: € 45,00 + prev.

II galleria: € 40,00 + prev.

Loggione visibilità limitata: € 25,00 + prev.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Daniele Benvenuti
Daniele Benvenuti, triestino, classe 1968. Laureato in Scienze politiche, è giornalista professionista con ormai cinque lustri abbondanti di attività sulle spalle tra carta stampata, video e radio. Studioso di “popular music”, nonché autore di una monumentale tesi in Sociologia delle comunicazioni di massa (Sociologia della musica: Il rock e la comunicazione tra fan), tra le sue produzioni editoriali predilige biografie e monografie come quelle già dedicate a Bruce Springsteen (quasi tremila gli iscritti allo specifico gruppo Facebook 'All the way home') o ad atleti di prestigio. Già responsabile di uffici stampa nelle massime categorie sportive nazionali, attivo nel mondo del volontariato, è specializzato anche nella promozione di rassegne musicali ed eventi sportivi. È vicepresidente vicario dell’USSI FVG. Una casa letteralmente invasa da migliaia di vecchi vinili, musicassette, cd, stampe, locandine, foto e libri specializzati (tutto classificato con maniacale precisione…). Le sue opinioni costituiscono il sunto di quasi trent’anni di ascolto critico, archiviazione metodica, viaggi sgangherati e una caccia spasmodica alla “scaletta perfetta”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome