Tutti i duetti di Fabrizio Moro

0
Fabrizio Moro
Ermal Meta e Fabrizio Moro allo stadio Olimpico il 16 giugno 2018 © Silvia Amoroso

Cantautore di successo con tanti anni di carriera alle spalle, in pochissime occasioni Fabrizio Moro ha deciso di cantare o addirittura scrivere insieme ad altri colleghi.

È il caso degli Stadio con cui il cantautore romano ha collaborato in due occasioni. La prima, nel 2009, quando Gaetano Curreri e Fabrizio Moro hanno composto e cantato insieme Resta come sei. La seconda nel 2012, con il singolo I nostri anni.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

L’attività di autore ha portato Fabrizio a regalare testi spettacolari a voci altrettanto spettacolari del panorama musicale italiano. I pensieri di Zo scritta per la grandissima Fiorella Mannoia è uno di questi testi. I due l’hanno interpretata insieme sul palco del concerto organizzato da Emergency a Trento lo scorso settembre.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

«Bianca mi ha chiamato qualche tempo fa, mi ha chiesto di scriverle una canzone. Io pensavo che fosse un’attrice, non sapevo cantasse. Quando mi ha rimandato la base con la sua voce sono rimasto colpito, credo sia una delle interpreti più brave. A quel punto le ho chiesto di fare un duetto e di inserirlo nell’album» ha raccontato Fabrizio Moro a proposito di come è nata È più forte l’amore duetto che fa parte dell’album Pace interpretato insieme a Bianca Guaccero.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Anche Cristina D’Avena ha voluto la voce di Fabrizio Moro nel suo disco. Nel secondo album di duetti della storica voce delle sigle dei cartoni animati, c’è anche I ragazzi della Senna. Scelta decisamente azzeccata, che rispecchia a pieno lo spirito  di Moro.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Nell’anno in cui il maggiore ha vinto Sanremo tra i Big e il minore tra le Nuove proposte, Fabrizio Moro e Ultimo hanno deciso di collaborare, ripubblicando uno dei singoli di Moro (uscito con l’album L’inizio nel 2013) dando vita ad un nuovo duetto che raccontasse quanto fosse forte il loro legame con il loro quartiere, San Basilio, a Roma.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

È probabilmente uno dei duetti più riusciti nella carriera di Moro, non solo perché lo ha portato a vincere (per la seconda volta) il Festival di Sanremo insieme al compare Ermal Meta. La loro “danza contro la paura” ha fatto il giro del mondo, ottenendo una serie di riconoscimenti che hanno contribuito a rendere questo brano davvero molto significativo per molta gente: Non mi avete fatto niente è sta certificata platino due mesi dopo la sua pubblicazione, è stata la terza più votata dal pubblico di quelle in gara all’Eurovision, ha ottenuto il premio come miglior regia e come miglior videoclip dell’ESC, è l’unica canzone dell’Eurovision non in inglese nella top10 di Spotify, con il testo più ricercato su Google e più tradotto in tutta Europa.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome