The Voice: la quarta puntata delle Blind Auditions

0

Il talent di Rai 2 condotto da Simona Ventura èarrivato alla quarta puntata. Probabilmente ci si aspettava di più da questa edizione di The Voice of Italy, che sembrava destinato a chiudere i battenti ma che, rinnovato nella conduzione e nel cast, si credeva potesse essere in qualche modo più avvincente . Il punto potrebbe essere sempre e solo uno: il meccanismo, che a volte risulta lento e non convince del tutto il pubblico, anche nella fase iniziale più avvincente, quella delle Blind Auditions. I coach ancora una volta prendono tutta la scena (soprattutto Morgan ed Elettra Lamborghini), a scapito dei più riflessivi Guè Pequeno e Gigi D’Alessio.

La serata inizia tra i fischi del pubblico rivolti ai coach, che non si sono girati per la bella versione di Rolling in the Deep di Adele eseguita da Chiara Mattia. “Una squadra che non riesce a segnare” dice Morgan, contrastato da Gigi, che non si è girato solo perché ha molte donne nel team. Elettra e Guè sono concordi con Morgan, ma la delusione di Chiara resta.

Anche questa settimana non mancano i giovanissimi e arriva sul palco Andrea Bertè, che conquista subito Elettra. Anche Gigi e Guè si girano, ma alla fine la scelta del 17enne ricadrà su Elettra, “la prima persona che si è girata”, sottolinea Andrea.  Davvero bella la voce di Giorgia, per la quale Morgan azzarda un paragone con l’inarrivabile Mina. La giovane cantante sceglierà il team di Gigi.

Ernesto, in arte Ralph Lautrec, grazie al suo rap conquista soprattutto Guè, e giovane rapper entra nel suo team . Una delle conquiste migliori per Guè, il più selettivo fra i 4 coach e che ha le idee molto chiare sugli obiettivi da raggiungere. Senza nascondersi dietro giri di parole, Guè vuole l’eccellenza e quindi vincere The voice . Incursione a sorpresa per Giusy Ferreri, che canta il suo inedito Le cose che canto. Gigi si lancia subito in un duetto con Giusy, interpretando Tu si ‘na cosa grande di Domenico Modugno. Prova di napoletano quasi superata per Giusy, visibilmente emozionata, anche nel ritrovare Simona Ventura, che la scelse quando era giudice ad un altro talent nato in casa Rai, X Factor. Colpisce non poco la 18enne Violet, che canta un suo inedito in modo decisamente energico e potente. Un mix di stili che Morgan definisce Funk, e forse la definizione potrebbe riassumere una performance inusuale per una ragazza così giovane. Violet senza troppi dubbi sceglie Morgan, dicendo che “Mi sento collegata” e ricevendo l’ormai noto plettro sacro.

La “Felicità Puttana” di Vittoria è reale, poiché grazie alla hit dei Thegiornalisti fa girare Elettra .

Prosegue tutto senza particolari picchi, tranne che per le perle di Gigi: “Un’aquila può volare più in basso, ma una gallina non potrà mai volare in alto come un’aquila”. Chiosa di Elettra, la migliore possibile vista la situazione: “L’hai rubata a Nina Moric ?”. Intanto Morgan , grazie all’artista di strada Tommaso, è il primo a chiudere il suo team. Commento a latere: Rimmel di Francesco De Gregori, cantata da Tommaso e Morgan, seppur non perfetta, resta una della canzoni più belle della musica italiana.

Brenda è una grintosa italo-americana, con un flow notevole che attira subito l’attenzione di Guè. Inevitabile il duetto su Sobrio, così come inevitabile l’ingresso nel Team Pequeno.

Un ingresso in extremis per Ilenia Falco, che vede proprio sul finale girarsi tutti e 3 i coach.  La giovanissima siciliana si commuove, e la sua dolce versione di Le tasche piene di sassi non può non far breccia in chi l’ascolta. Il commento è unanime, l’emozione anche, e la giovane Ilenia sceglie (molto) a sorpresa Guè.

Tra una performance e l’altra, c’è tempo anche per una tenera polemica da parte di Morgan verso i suoi colleghi coach: “Perché non mi rispondete mai sul gruppo WhatsApp?”. Caro Morgan, siamo tutti con te .

Tahnee convince subito Elettra col suo groove, seguita a ruota da Guè e Gigi. La riccia rapper sceglierà il team del “girl power” di Elettra.

Scelta rischiosa per la bionda Alice Olivari, che porta sul palco Rolls Royce di Achille Lauro. Le esperienze passate portano Alice a scegliere il team Guè. La 18enne Greta scoppia in lacrime alla fine della sua performance e viene consolata dall’abbraccio di Elettra, che si è girata per lei.

Irene Ruggero è una jazzista che ha studiato al conservatorio, e dopo tanti anni di studio vorrebbe poter esprimere se stessa. Ennesimo duetto per Morgan, che ormai ha chiuso il suo team ma si diletta ad accompagnare al piano Irene. La jazzista che ha regalato una bellissima versione di Applause di Lady Gaga, sceglie il team di Gigi .

Attualmente, la situazione dei team è questa: Morgan ha chiuso il team con 14 artisti, Guè Pequeno è arrivato a quota 12, Elettra quota 11 e Gigi quota 13.

L’appuntamento è per martedì prossimo con l’ultima puntata della Blind Auditions .

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome