Il rap di Giorgio Line, quando la scrittura è importante

0
Giorgio Line

Giorgio Line (all’anagrafe Giorgio Fraracci) ha vent’anni, da poco si è diplomato e vive a Campobasso. Il suo è un rap che nasce dalla provincia più profonda, quell’Italia che raramente si vede in televisione o nelle riviste. Da poco ha pubblicato il suo nuovo singolo, intitolato Chicane, e l’ep Mamamia. Lo scorso anno si era fatto conoscere con Baby, brano prodotto da Deliuan, dj del team Thaurus e già produttore per Clementino ed altri. Ci siamo fatti raccontare da Giorgio il suo nuovo lavoro.

Quali sono le caratteristiche del progetto Mamamia?
Mamamia è nato grazie alla collaborazione con The Ceasars, produttori conosciuti dagli addetti ai lavori per aver collaborato con diversi ed importanti artisti italiani. Prima di far uscire il singolo, abbiamo deciso di pubblicare su Instagram questi tre mini freestyle sotto il nome appunto di Mamamia, che poi abbiamo pubblicato anche su Spotify.

Il singolo Chicane invece di cosa parla?
Io sono di Campobasso e questo singolo è uno sfogo, ho deciso di raccontare la vita di una piccola città di provincia. Campobasso non è certo Milano, la città dalla quale proviene la maggior parte dei rapper.

Il video che accompagna la canzone è molto particolare, non è vero?
Sì, il video lo ha realizzato un mio caro amico, Thebootskid. E’ tutto girato in negativo, con un effetto particolare.

Che tipo di rap proponi?
Non lo so descrivere con un aggettivo, cerco di rimanere il più possibile aderente alla realtà. Considero molto importante la scrittura, il lessico, cosa che invece si sta un po’ perdendo nel rap dell’ultimo periodo. Sono cresciuto ascoltando rapper che facevano molta attenzione al modo di scrivere ed ho mantenuto questa mentalità.

Chi sono i tuoi riferimenti, c’è qualche artista che ti ha influenzato?
Sì, ce ne sono parecchi. Tra gli americani mi piace molto Nav, ma anche tanti rapper italiani mi piacciono, come Guè Pequeno, Marracash e Club Dogo.

Come ti sei avvicinato alla musica?
Vengo dal mondo del writing ed ho iniziato a fare rap intorno ai 14 anni grazie ad un amico, quasi per gioco. Prima mi sono avvicinato al mondo del freestyle e poi ho iniziato a scrivere testi. E’ successo tutto molto spontaneamente.

Nel tuo immediato futuro cosa c’è?
Ho in programma di fare uscire altri due o tre singoli a distanza di breve tempo, il primo penso già nel prossimo mese. Abbiamo un po’ di materiale pronto. Ci stiamo anche muovendo per vedere se c’è la possibilità di fare qualche live in giro.

Il video di Chicane:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome