È morto Enrico Nascimbeni

0
Enrico Nascimbeni

Se ne è andato anche Enrico Nascimbeni, cantautore, giornalista, scrittore. Aveva soltanto 59 anni. Lo si apprende da un post apparso sulla sua pagina Facebook: «Enrico ora è un aquilone. Ha scelto di sbagliare, le parole sono sue, assieme a quella grande umanità composta di amori, affetti, amicizie, poesie, canzoni. Ora vola libero e a tutti manda il suo abbraccio di libertà».

Nato a Verona il 20 novembre 1959, Enrico è morto ieri. Negli ultimi tempi non stava bene, e ogni tanto lo rendeva pubblico, pur senza entrare nei dettagli. Del resto era uno fatto così, non amava nascondere niente e urlare forti e chiare le sue idee; arrivando persino a violente liti verbali pur di difendere il proprio pensiero. Anche per questo, alcuni mesi fa aveva subito un vile attacco da parte di un gruppuscolo fascista che lo aveva atteso sotto casa, ferendolo – per fortuna in modo non grave – con un coltello.

Personalmente lo avevo conosciuto e frequentato a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta, quando pubblicò alcuni album piuttosto interessanti (Maracaibo, 1979, Verso il mare, 1980, Hotel Costarica, 1983). Successivamente aveva iniziato a fare il giornalista, seguendo le orme del padre, il grande Giulio Nascimbeni, verso il quale ha sempre dimostrato un grande rispetto. Agli albori del terzo millennio aveva ricominciato a scrivere, pubblicando un album, Amori disordinati (d’autore), che gli sarebbe valso una Targa Tenco. E da lì in avanti ha sempre alternato il lavoro come giornalista a quello come cantautore e autore di romanzi, poesie e saggi.

Una volta, non molto tempo fa, gli inviai la foto dei vinili dei suoi primi tre album che fanno parte della mia discografia. «Pensa che tutti non li ho nemmeno io», mi rispose. Chiosando con un commento “a modo suo”: «Certo che all’epoca ero un bel figaccione! Ma piaccio ancora. Ogni tanto qualche donna me lo dice!». Ciao, Enrico!

Enrico Nascimbeni

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Massimo Poggini
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino) e "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi". Ultimo libro uscito: "Massimo Riva vive!", scritto con Claudia Riva.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome