Firenze Rocks, si parte: grandi ritorni e nuove stelle

0

Da domani al 16 giugno torna l’appuntamento con Firenze Rocks, il festival che dal 2017 apre ufficialmente la stagione dei grandi concerti estivi nel capoluogo toscano. E anche quest’anno non mancheranno stelle di prima grandezza: ad aprire le danze sul palco della Visarno Arena saranno i TOOL nella loro unica data italiana (l’ultimo concerto nel nostro paese risale al): originaria di Los Angeles, la band vincitrice di tre Grammy Awards si è esibita in svariate tournée mondiali e ha pubblicato 4 album in studio che hanno raggiunto i vertici delle classifiche mondiali. La formazione: Danny Carey (batteria), Adam Jones (chitarra), Maynard James Keenan (vocalist), Justin Chancellor (basso).

Ma la opening night sarà teatro anche un grandissimo ritorno, quello degli Smashing Pumpkins: la band di Billy Corgan presenterà il disco Shiny and oh so bright vol.1/LP: No past. No Future. No Sun, registrato agli Shangri La Studios di Malibu (California) col produttore Rick Rubin e il chitarrista Jeff Schroeder. Pubblicato il 16 novembre 2018, si tratta del primo lavoro della band in oltre 18 anni che riunisce i membri fondatori Billy Corgan, James Iha e Jimmy Chamberlin. Sempre nella serata inaugurale, spazio al rock progressive e metal dei Dream theater, tornano in tour in Italia per presentare il loro nuovo album Distance over time e celebrare i 20 anni di anniversario dall’uscita del loro quinto disco, Metropolis Pt.2: Scenes from a memory; ancora, risuoneranno le note dei Badflower, band americana appena rivelatasi con il suo disco d’esordio, OK, I’m sick, uscito il 22 febbraio scorso su etichetta Big Machine/Universal Music, e degli Skindred, che hanno consolidato la loro posizione come una delle più grandi band alternative metal britanniche (7 album in studio, 11 singoli e 13 videoclip musicali) con il loro nuovo album Big Tings.

L’ospite più atteso è però, probabilmente, Ed Sheeran, il cui ultimo singolo, I don’t care, in collaborazione con Justin Bieber e disponibile dal 10 maggio, anticipa la pubblicazione (il prossimo 12 luglio) del quarto album, dal titolo No.6 Collaborations Project: venerdì 14 il giovanissimo recordman (4 Grammy Awards, quasi 115 premi e 130 milioni dischi venduti in 8 anni) infiammerà il pubblico con  il primo dei suoi tre grandi concerti italiani (seguiranno lo Stadio Olimpico di Roma il 16 giugno e lo Stadio San Siro il 19). Sabato 15 invece, salirà sul palco un autentico mostro sacro del rock contemporaneo: Eddie Vedder, pluripremiato cantautore e frontman dei Pearl Jam, inserito da Rolling Stone al settimo posto nella classifica Best Lead Singers of All Time. Il Festival si chiuderà domenica 16 giugno con The Cure, gruppo simbolo della new wave punk-rock anni ’80 che, a oggi, ha tenuto oltre 1.500 concerti in tutto il mondo.

Un immenso palco a cielo aperto accoglierà il ricchissimo cast per un evento straordinario che mette al centro la grande musica senza barriere di genere e che sarà reso ancor più speciale dalle molteplici iniziative che animeranno il Firenze Rocks Village, un’area parco di seimila metri quadri. Non mancheraanno occasioni di divertimento per i più piccoli, con uno speciale spazio Kids dedicato alla fascia d’età 3-12 anni: Riciclo lab, Baby MasterChef, Caccia al tesoro, Lego lab, un’area soft per i bimbi da 0 a 3 anni, giochi di gruppo a squadre e musicali, baby dance, palloncini, bolle giganti e tanto altro.

Firenze Rocks è prodotto da Live Nation Italia con la collaborazione de Le Nozze di Figaro nell’ambito dell’Estate Fiorentina promossa dal Comune di Firenze. Per tutte le info, vi invitiamo a visitare il sito ufficiale.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Chiara Rita Persico
Classe ’83, nerd orgogliosa e convinta, sono laureata con lode in ingegneria dei sogni rumorosi ed eccessivi, ma con specializzazione in realismologia e contatto col suolo. Scrivo di spettacolo da sempre, in italiano e in inglese, e da sempre cerco di capirne un po’ di più della vita e i suoi arzigogoli guardandola attraverso il prisma delle creazioni artistiche di chi ha uno straordinario talento nel raccontarla con sincerità, poesia e autentica passione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome