Elvira Notari, la prima donna regista italiana a Sguardi Altrove Film Festival

Giovedì 20 giugno 2019 alle ore 19.15 al Teatro Franco Parenti di Milano un omaggio alla grande attrice, sceneggiatrice, produttrice e distributrice italiana

0
Foto di Elvira Notari

17n collaborazione con Ewa Network e Cineteca Nazionale di Roma 

Elvira Notari, napoletana (1875-1946), regista, attrice, sceneggiatrice, produttrice e distributrice e abile imprenditrice del cinema italiano, insieme al marito Nicola fonda nel 1909 la Films Dora, specializzata nella colorazione delle pellicole soprattutto di genere storico e drammi borghesi. La Notari, con il figlio Edoardo presente sempre nei suoi film nel ruolo di Gennariello, porta al successo soggetti incentrati sulla letteratura e sul teatro napoletano, quali Ciccio il pizzaiolo del Carmine, 1916; Il barcaiuolo d’Amalfi, 1917; Gnesella, 1918; Chiarina la modista, 1919 ed altri. La Dora Film in pochi anni diviene una delle più importanti società cinematografiche italiane, che riesce anche ad aprire una succursale a New York, dove i suo film, fortemente evocativi della vita dei ceti popolari napoletani, trovano un pubblico ideale negli emigrati italiani. Negli anni Trenta la sua attività cessa anche per colpa della censura fascista.   I film sopravvissuti di Elvira Notari sono purtroppo pochi, tutti o quasi conservati dalla Cineteca Nazionale. Il programma della manifestazione raccoglie due lungometraggi sopravvissuti in forma pressoché completa, È piccerella, 1922; ‘A santanotte, 1922, e ancora undici minuti di Festa della S.S. Assunta in Avellino/Festa della Madonna della Libera a Trevico, 1923. A seguire, Fantasia ‘e surdate, 1927, un dramma di ventotto minuti incentrato sulla passione di Gigi, un giovane perdutamente innamorato di Rosa, la bella di Porta Pia, che lo porta sulla cattiva strada e L’Italia s’è desta, 1927, la vicenda di Gennariello che si arruola nell’esercito, ma alla fine della Grande Guerra torna a casa molto cambiato. Sono solo nove minuti sopravvissuti alla distruzione, ma interessanti per l’uso del colore in un’epoca in cui ancora non era adoperato dai cineasti.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome