Suoni di Marca 2019: 18 giorni di musica no-stop nel cuore di Treviso

0

Oltre 400 artisti, 120 band, 18 giorni di musica no-stop e una media di 20.000 presenze a serata. È questa la ricetta segreta di Suoni di Marca, il festival musicale gratuito più lungo d’Italia che sbarcherà a Treviso dal 18 luglio al 4 agosto.

Alla vigilia della 29esima edizione, il programma ufficiale del 2019 annuncia la presenza di 3 palchi, sui quali si esibiranno (in contemporanea) artisti musicali di calibro nazionale e internazionale, tra cui: The Wailers (18 luglio), Ministri (19 luglio), Alberto Fortis e Alan Sorrenti (20 luglio), Ex-Otago (21 luglio), The Blues Brothers (22 luglio), Luca Barbarossa (23 luglio), Nada e La rappresentante di lista (24 luglio), Radio Company 80 Festival (25 luglio), Tango Y Cielo El Cachivache Quinteto (26 luglio), Eugenio Bennato (27 luglio), Tre Allegri Ragazzi Morti (28 luglio), Village People (29 luglio), Max Gazzè (30 luglio), Anna Calvi (31 luglio), Omar Pedrini (1 agosto), Matt Bianco (2 agosto), Eugenio Finardi (3 agosto) e Bandabardò (4 agosto).

Una scaletta che si riconferma all’altezza delle aspettative delle centinaia di migliaia di aficionados che da decenni partecipano assiduamente a uno tra gli eventi più attesi dell’estate trevigiana.

Il festival ha oramai adottato e consolidato un format elastico e originale, a misura di ascoltatore, in quanto capace di rispondere efficacemente alle richieste delle differenti fasce d’età. Tra spettacoli, enogastronomia, stand e aree relax, Suoni di Marca propone, infatti, un intrattenimento destinato a un’audience eterogenea che avvicenda la presenza di giovani, meno giovani e famiglie, in fasce orarie tendenzialmente alterne, dal tardo pomeriggio a notte fonda.

Suoni di Marca propone un cartellone musicale capace di coniugare le performance di grandi artisti nazionali e internazionali, dai grandi classici del rhythm&blues al cantautorato, dall’indie al pop-alternative, al jazz all’elettronica, e tanto altro, che calcheranno il palcoscenico delle “mura” di Treviso, location che nelle scorse edizioni ha accolto Franco Battiato, Morcheeba, The Strumbellas, Gino Paoli, Edoardo Bennato, Elio e le Storie Tese, Jethro Tull, Daniele Silvestri, Planet Funk, Carmen Consoli, Baustelle, Paolo Fresu (per citarne qualcuno).

TANTA MUSICA, MA NON SOLO!
Un vero e proprio “Percorso del Gusto” accompagnerà le serate trevigiane, con la possibilità di degustare tipicità locali a km 0, cicchetterie, specialità etniche, cucina gourmet, finger food, dolciaria e beverage. Oltre 100 operatori (tra espositori, punti enogastronomici, associazioni no-profit, parchi gioco per i bimbi e ludoteche) trasformeranno la passeggiata lungo le “mura” in un itinerario avvolgente e accogliente, all’insegna dell’aggregazione sociale e del divertimento.

Come nelle migliori tradizioni en plein air, non mancheranno inoltre gli angoli dedicati a giovani artisti e fotografi.

Suoni di Marca rappresenta una best practice nella gestione sostenibile di un evento di grandi dimensioni, garantendo un ridotto impatto ambientale. L’edizione 2019 riproporrà il modello vincente dello scorso anno, con la presenza di 13 EcoPunti nei quali oltre 100 giovani volontari aiuteranno i partecipanti a eseguire un’accurata raccolta differenziata degli imballaggi e degli scarti delle consumazioni, un fattore determinante che nel 2018 ha consentito una raccolta differenziata superiore al 90% dei rifiuti complessivi, ricevendo da Contarina il riconoscimento di “Festival Virtuoso”.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Andrea Giovannetti
Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome