Ginevra Di Marco e Cristina Donà, il primo album insieme

0

Uscirà il prossimo 28 giugno Ginevra Di Marco & Cristina Donà, il primo album scritto a quattro mani da due tra le più valide e premiate artiste del nostro panorama musicale. Nello stesso giorno, partirà una lunga tournée che porterà la Di Marco e la Donà a esibirsi in diversi prestigiosi Festival in tutta Italia.

Due storie differenti, ma parallele: Ginevra Di Marco inizia a far conoscere il proprio nome nel 1993, quando collabora con la C.S.I. di Giovanni Lindo Ferretti per l’album Ko de mondo, per poi diventarne la seconda voce nel successivo In quiete, disco live del 1994. Il primo lavoro da solista, Trama tenue, risale al 1999, ma è con Stazioni Lunari prende terra a Puerto Libre (2006) e Donna Ginevra (2009, premiato con la Targa Tenco per la Miglior interpretazione) che l’artista mostra la sua anima di straordinaria esegeta della musica popolare d’ogni angolo del mondo, musica della quale riesce a cogliere appieno le ancestrali sfumature di malinconia, rabbia e passione rielaborandole attraverso la propria sensibilità e rendendole con poetica, pulsante sincerità.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Cristina Donà, invece, inizia ufficialmente la sua carriera nel 1997 con l’album Tregua, nato dalla collaborazione con Manuel Agnelli e Mauro Ermanno Giovanardi, che le vale la Targa Tenco come Miglior album d’esordio nello stesso anno, e il Premio Lunezia come Migliore autore emergente l’anno successivo. Risale proprio al 1998 il primo incontro artistico con Ginevra Di Marco: le due cantano insieme Maryan nell’album The different you, tributo a Robert Wyatt. In questi 22 anni, Cristina ha pubblicato 8 altri dischi, collezionato innumerevoli live, partnership e attestazioni di stima anche fuori dai nostri confini, e portato a casa un’altra Targa Tenco, questa volta per la Migliore canzone (2015, Il senso delle cose), il Premio De André (2016) e il Premio Bindi alla carriera (ancora nel 2016).

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Due strade parallele, dicevamo, ma solo all’apparenza: col tempo, i ripetuti incontri sui palchi di tutto il Paese hanno fatto sì che si stabilisse un legame di profonde amicizia e stima professionale, che oggi si concretizza in Ginevra Di Marco & Cristina Donà: 8 tracce tra brani dei rispettivi repertori riarrangiati per questa speciale occasione e inediti che fotografano con sensibilità e acuta lucidità speranze e contraddizioni della nostra contemporaneità: il grande fenomeno delle migrazioni raccontato in Confine, l’incitamento al mondo femminile perché non abdichi alla propria dignità di Un passo alla volta, la celebrazione del Camminare come pratica per ritrovare se stessi.

Le due artiste raccontano così la genesi del progetto: «Siamo partite con l’idea di fare qualche concerto insieme convinte che condividere il palco sarebbe stato abbastanza, e così per cominciare abbiamo fatto due concerti durante la scorsa estate. Ma quei concerti sono stati magici, più belli di quanto potessimo immaginare. Da lì la spinta ad andare oltre, e la decisione di “fermare” questa comunione artistica e umana con un intero tour e un disco. Nel cuore di questa inedita collaborazione c’è la volontà di condensare in una manciata di canzoni il nostro vissuto, ovvero il passato che ci ha nutrito e fatto incontrare, e il presente, affinché la fotografia di questo disco fosse più ricca e rispettosa possibile di un sentire comune. Per questo, oltre a mescolare le nostre voci su brani che fanno parte dei rispettivi repertori, abbiamo deciso di scrivere nuove canzoni per rappresentare l’essere qui oggi, scoprendo una passione comune, il camminare, divenuto il tema di fondo del disco. Da lì siamo partite per raccontare in musica il senso del cammino: cammino come gesto quotidiano, come scoperta di sé nella natura, come risorsa ma anche come metafora, come osservazione del cammino altrui che spesso è fatica e sofferenza, il cammino di chi cerca una realtà migliore per sopravvivere, il cammino dell’essere madri. Camminare come spinta propulsiva verso la vita, la curiosità, il viaggio, la conoscenza, il tentativo di renderci, in ogni esperienza, persone migliori».

Ginevra e Cristina hanno scelto di farsi affiancare nella produzione artistica e nella realizzazione musicale dai compagni di sempre: il gruppo stabile di Ginevra, con Francesco Magnelli (piano, magnellophoni), Andrea Salvadori (chitarra, tzouras) e Luca Ragazzo (batteria), con l’aggiunta del produttore e co-autore degli ultimi dischi di Cristina, Saverio Lanza (chitarra, basso). Fra gli autori dei testi dell’album realizzato grazie a una fortunata campagna di crowdfunding — figura anche Francesco Gazzè, che ha firmato il brano Confine. Con questo lavoro, la Di Marco e la Donà hanno conquistato il Premio Speciale Mei 2019, del quale verranno insignite il 5 ottobre al Teatro Masini di Faenza.

LA COVER DELL’ALBUM E IL TOUR

LE DATE FINORA ANNUNCIATE:

28 giugno – Genova, Lilith Festival – Giardini Luzzati
3 luglio –
Firenze, 72°estate Fiesolana – Anfiteatro Romano di Fiesole
12 luglio –
Valdagno (VI), Festival Femminile Singolare – Parco La Favorita
13 luglio
– Bologna, Botanique – Giardini Via Filippo Re
15 luglio –
Torino, Todays Festival- Conservatorio Giuseppe Verdi 16 luglio – Milano, Estate Sforzesca – Castello Sforzesco
20 luglio
– Rovigo, Tra ville e giardini Festival
21 luglio –
Carpi (MO), Festival Mundus – Piazzale Re Astolfo
7 agosto – Assisi (PG), Riverock Festival – Lyrick Summer Arena
23 agosto
– Roma, ‘Na cosetta Festival- Via Mandrione, 63

Per ulteriori informazioni sull’album e sui live, vi rimandiamo alle pagine Facebook di Ginevra Di Marco e Cristina Donà

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Chiara Rita Persico
Classe ’83, nerd orgogliosa e convinta, sono laureata con lode in ingegneria dei sogni rumorosi ed eccessivi, ma con specializzazione in realismologia e contatto col suolo. Scrivo di spettacolo da sempre, in italiano e in inglese, e da sempre cerco di capirne un po’ di più della vita e i suoi arzigogoli guardandola attraverso il prisma delle creazioni artistiche di chi ha uno straordinario talento nel raccontarla con sincerità, poesia e autentica passione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome