Ligabue a Firenze. Il racconto di una serata speciale

7
Ligabue
@Jarno Iotti

Tappa a Firenze per lo Start Tour di Ligabue. Dopo le polemiche delle ultime settimane (spesso gratuite), che hanno visto tanti fan d’improvviso trasformarsi in ingegneri con il metro in mano a giudicare di quanti ipotetici centimetri sia stato spostato il palco, la sorpresa, paradossalmente, sembra essere stata il fatto che lo spettacolo è stato un “normale” concerto da stadio: un Franchi gremito (non sold out, ma pieno) e un’atmosfera calda, ricca di gioia e molto, molto emozionante.

Che nell’aria si respiri di qualcosa di diverso lo si percepisce fin dal soundcheck, in cui i fan hanno avuto più volte modo di sentire dalle casse l’assolo di Quello che mi fa la guerra, che sarà la vera grande novità del concerto. «Le scalette sono strane —  dice Ligabue introducendo il brano — , non è facile farle. L’assenza di questo brano di Start ha scatenato per l’appunto una vera e propria rivolta popolare, perciò eccolo qua».

Ligabue ha regalato al suo pubblico un concerto d’altri tempi, emotivo e impattante. Aveva voglia di ritrovare il contatto con esso, sia a livello fisico, scendendo più volte dal palco per cercare le mani dei fan, sia a livello di sguardi soffermandosi ripetutamente sui loro occhi, cantando le canzoni proprio in faccia a loro.

Lo show ormai è collaudato: parte con i primi due brani del nuovo disco, Polvere di stelle e Ancora noi (interessante la scelta di iniziare direttamente dalla reprise) per poi passare ai classici del repertorio di Ligabue: da quella A modo tuo per anni “snobbata”, a Si viene e si va, da Quella che non seiBalliamo sul mondo, Marlon Brando è sempre lui, Happy hour, per chiudere con il suo grido: Urlando contro il cielo. Se non mancano i momenti emotivi (Non è tempo per noi, Mai dire mai), sono propri pezzi più caldi e rock quelli che fanno esaltare i fan e saltare in aria tutto lo stadio.

Se il concerto è una festa, Luciano sembra davvero essere toccato dall’affetto che ha ricevuto, dopo due settimane di fuoco incrociato (spesso e volentieri gratuito) da parte di media e fan. Sembra si sia tolto un peso dalle spalle e che finalmente possa far capire, in piena libertà, la potenzialità di questo progetto. Tutto sembra funzionare alla perfezione, a partire dalla sua band: la sezione ritmica (Ivano Zanotti alla batteria e Davide Pezzin al basso) è un rullo compressore; le due chitarre, Federico Poggipollini (impressionante il suo ruolo all’interno di questo tour) e Max Cottafavi, fanno sognare i fan, mentre Luciano Luisi alle tastiere dirige magistralmente la sua plancia di comando.

Lasciando lo stadio, esausti, emozionati, sorridenti (e accaldati) si ha l’idea che lo Start Tour sia, finalmente, davvero cominciato.

SCALETTA:
01. Polvere di stelle
02. Ancora noi
03. A modo tuo
04. Si viene e si va
05. Quella che non sei
06. Balliamo sul mondo
07. Medley Acustico (Hai un momento Dio? / Il giorno di dolore che uno ha / G come giungla / Un colpo all’anima)
08. Happy hour
09. La cattiva compagnia
10. Non è tempo per noi
11. Marlon Brando è sempre lui
12. Luci d’America
13. Mai dire mai
14. Medley rock (Vivo morto o X / Eri bellissima / Il giorno dei giorni / I ragazzi sono in giro / Libera nos a malo / Il meglio deve ancora venire)
15. Quello che mi fa la guerra
16. Niente paura
17. Certe donne brillano
18. Certe notti
19. A che ora è la fine del mondo?
20. Tra palco e realtà

BIS
21. Piccola stella senza cielo
22. Urlando contro il cielo

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Mattia Luconi
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

7 COMMENTI

  1. Stadio pieno? ma se hanno addirittura chiuso la curva Fiesole che è rimasta malinconicamente vuota… per non parlare delle praterie nel prato…..

    • Io c ero ed è stata un emozionante e in forma Liga! La curva Fiesole era cmq chiusa per lavori (c era un articolo scritto che lo diceva chiaramente.) bando alle ciance, basta critiche, i veri fan saranno sempre ‘sulla sua strada’.

  2. Io c ero, la curva Fiesole chiusa x lavori. Un concerto emozionante cm sempre , tutti hanno cantato ,partecipato . L emozione era grande x tutti. Grande il Liga ( cm sempre) sceso tra i suoi fans , grandi i musicisti.

  3. ..Ligabue rientra nell’ambito delle passioni intramontabili, chi lo vive e segue da sempre come me sa cosa riesce a suscitare a livello emotivo seppur con canzoni semplici e popolari. Arriva al cuore.

  4. Da fan del Liga da 20 anni dico… Quando hai concerti non metteva il vecchio repertorio tutti a lamentarsi.. Lo fa i critici dicono passato di moda.. Il 90 %dei cantanti porta 5mila persone e nessuno dice niente… Cari critici non siete obbligati a amare e seguire un artista. Noi pochi siamo felici di URLARE CONTRO IL CIELO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome