I treni nel cinema, rassegna

Da giovedì 4 giovedì 25 luglio 2019 alle ore 19.00 presso la Biblioteca Morando Naviglio Martesana Milano una breve retrospettiva dedicata ai treni sul grande schermo

0
Foto film Assassinio sull' Orient Express

Nell’ambito del progetto Incontri e proiezioni della Zona 2 di Milano

Nel 1933 Raffaello Matarazzo esordisce alla regia con Treno popolare (giovedì 5 luglio), un film corale ambientato su di un treno per Orvieto dove si ritrovano diversi personaggi, tutti in viaggio per passare la domenica in campagna: seguono amori e disavventure. Il film spicca tra le commedie dell’epoca per essere uno dei primi a introdurre forti elementi di novità — come le riprese effettuate quasi tutte nella realtà ferroviaria — il ritmo brioso, l’utilizzo di attori non professionisti non dimenticando anche l’esordio del giovane musicista milanese Nino Rota, autore della colonna sonora. La pellicola riscoperta negli anni Settanta, viene considerata una sorta di  anticipazione del neorealismo. Nel 1938 Alfred Hitchcock firma il divertente ed emozionante La signora scompare (giovedì 11 luglio), che vede protagonista Iris, una giovane e bella donna inglese in viaggio dai Balcani a Londra su un treno nell’Europa ormai minata dal nazismo. Presto, la ragazza si accorge della sparizione di miss Froy, una vecchia signora con cui ha fatto amicizia. La “vecchietta” in realtà lavora per il controspionaggio britannico ed è inseguita da agenti del Terzo Reich che la vogliono eliminare per impedirle di portare in patria un importantissimo messaggio in codice.  Nel 1974, Sidney Lumet gira un film tratto da un classico di Agatha Christie, Assassinio sull’Orient Express (giovedì 18 luglio), che si avvale di un cast strepitoso costituito da Albert Finney, Sean Connery, Lauren Bacall, Vanessa Redgrave e molti altri grandi interpreti. Il treno Orient Express, di ritorno da Istanbul, è costretto a fermarsi nella regione dei Balcani, a causa delle forti nevicate. Il mattino seguente, nel vagone di prima classe viene trovato il cadavere di un uomo. Sull’omicidio indaga il detective Hercule Poirot. L’ultimo appuntamento della rassegna (giovedì 25 luglio) è un evento speciale intitolato La Stazione Centrale e il cinema: corti e spezzoni, un montaggio delle migliori scene di pellicole ambientate in Stazione Centrale e due cortometraggi d’autore: Emigranti (1963) di Franco Piavoli e Milano o cara (1963) di Paolo Pillitteri, entrambi dedicati al fenomeno della migrazione meridionale verso il Nord.

 

 

 

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome