Vasco a San Siro, 29 anni fa la prima volta: Fronte del Palco e nasceva il mito

4
vasco rossi

Qualche concerto a San Siro, diciamo la verità, lo avevano già fatto. Bob Marley nel 1980 e Bruce Springsteen nel 1985, tanto per citare quelli restati nella storia. Ed anche qualche italiano lo stadio milanese lo aveva già riempito: il primo fu Edoardo Bennato nel 1980, seguito da Claudio Baglioni nel 1985 e nel 1986. Però il 10 luglio 1990, esattamente 29 anni fa, iniziava una nuova era e San Siro trovava il suo re: Vasco Rossi. E’ sufficiente pensare che quello fu il primo di 29 concerti tenuti, ad oggi, dal Blasco nello stadio milanese.

Ciò che nel 2019 appare “scontato”, allora scontato non era affatto. Vasco era già una superstar, sì, ed i suoi concerti richiamavano tantissima gente. Ma San Siro era tutta un’altra cosa. Per di più veniva da un periodo splendido ma difficile: il divorzio dalla Steve Rogers Band era una ferita recente, per quanto mitigata dal successo di Liberi liberi e del relativo tour.

Milano fu un azzardo ed una scommessa vinta: se il Festival di Sanremo del 1983 aveva consacrato Vasco, il concerto del 1990 lo innalzava ancora di un gradino. La stessa sera Madonna era di scena a Roma, ma il suo successo fu decisamente minore. La celebre prima pagina che riportiamo in alto con il titolo Vasco Rossi ha ucciso Madonna è storia. Poco dopo Vasco si sarebbe anche tolto la soddisfazione di dire no ai Rolling Stones che lo volevano per aprire i loro concerti italiani, segnati da prevendite non entusiasmanti.

Ma torniamo al concerto del 10 luglio. E’ curiosa la dichiarazione rilasciata da Diego Spagnoli per il libro Vasco in concerto: “Alla fine del concerto di Milano, stava partendo l’assolo di Albachiara e Vasco come al solito stava correndo giù per andare in camerino. E’ tornato indietro, è venuto da me, mi ha stretto l’avambraccio, mi ha guardato, ha guardato il pubblico e mi ha detto: ‘non era meglio se ci fosse stata la Steve Rogers Band, quei pezzi di merda?’. Avrebbe voluto dividere con loro quella gioia, quella consacrazione, visto che era nato con loro. Nel momento di gioia ha pensato subito agli amici“. Il 14 luglio Vasco avrebbe bissato il successo al Flaminio di Roma.

La scaletta dei due concerti:
1) …Muoviti!
2) Blasco Rossi
3) C’è chi dice no
4) Dillo alla luna
5) Tango… (della gelosia)
6) Deviazioni
7) Ogni volta
8) Ridere di te
9) Va bene, va bene così
10) Lunedì
11) Vivere una favola
12) Vita spericolata
13) Liberi… liberi
14) “Stasera!”
15) Vivere senza te
16) Domenica lunatica
17) Guarda dove vai
18) Colpa d’Alfredo
19) Una canzone per te
20) Brava
21) Dormi, dormi
22) Portatemi Dio
23) Bollicine
24) Siamo solo noi
25) Canzone
26) Albachiara

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.

4 COMMENTI

  1. Ormai è tardi….. avevo 15 anni, mi entro’ nella testa, mi ha aperto il mondo di Vasco… Liberi Liberi è stato il mio primo disco…. poi VASCO è diventato la colonna sonora della mia vita… ai concerti sempre presente, quando viene a Bari doppio concerto perché sono tutti diversi ed ogni volta è una libidine pazzesca… Grazie Vasco, sei il più bello fra i più belli.

  2. buongiorno spettakolo mi chiamo mauro dalla provincia di caserta sessa aurunca, sono un fan del komandante da settembre del 1990 oramai dire fan oggi è semplice, io direi che con vasco è diverso non si semplici fan comuni come per tutti gli altri artisti, ma con vasco come nel mio caso senza commettere nessun peccato, ripeto con vasco è solo con lui da 28 anni che lo seguo in giro l’italia (sui 41 anni anagrafici che tengo), secondo me si è devoti, si ripeto si è devoti è pura devozione che non sai spiegarti, neanche ai concerti quando qualcuno più giovane ti chiede, x me quale sia stato il vasco migliore che hai visto in questi anni, io ho sempre risposto sempre quello che non ho potuto vedere cioè quello prima del 1990/91, i famosi è belli anni 80 del vasco dannato è ribelle al tempo stesso umano è dolce pagando tutti i suoi sbagli con la propria pelle. chiedo una cosa sola al komandante è spero che tramite voi lui legga questa mia lettera, io che sono di quella sua generazione del 1990 in avanti affezionatissimo a questa data storica 10.07.90 san siro, credo una data dove tutti (artisti) italiani e non quindi parlo dei grandi gruppi mondiali esteri, per venire in italia a suonare, gli devono chiedere il permesso gli devono bussare la porta di casa è come in una famosa sua intervista storica una frase( l’anno della abbondanza). in poche parole concludo chiedo al komandante il 10.07.2020 per i 30 anni dallo storico concerto di san siro, è quasi una supplica la mia magari vederlo con una serie di concerti intorno a quella data con 4/5/6 repliche di fila, è immortalare l’evento con un doppio dvd e doppio cd live. siamo solo noi che tra demonio o santità è lo stesso basta che ci sia posto. è disse il grande Totò in questo manicomio si fanno cose da pazzi, è ho detto tutto. viva il kom, viva l’italia, un grazie alle donne tutte, per il loro dono naturale fatto da 4 lettere viva anche quella che sia lodata.

  3. e dopo un anno io sono ancora qua MAURO da PIEDIMONTE DI SESSA AURUNCA CASERTA, 29 anni con te komandante 1990 SETTEMBRE/2019 è grazie di aver ascoltato la mia supplica per i 4-5-6 concerti di fila come dicevo l’anno passato ancora prima che uscivano le date del tour 2019 QUASI QUASI COME VECCHI AMICI HAI ASCOLTSATO LA MIA SUPPLICA, con le storiche sei ben sei sere milano stadio di san siro io c’ero alla terza sera il 6 di giugno come nel tour 2018 ero a bari è come in tutti i tour passati dal 1990/91 in poi, spero l’anno prossimo per il trentennale del primo san siro 10.7.90 a questo punto non più 4-5-6- sere komandante ma da 6-7 SERE in poi per superare sempre è solo te stesso come dal 1990 in poi non ce ne stato più per nessuno forse neanche per te stesso komandante ormai ti puoi solo migliorare da solo come il buon è vecchio vino. CONCLUDO NON OSO IMMAGGINARE UN ULTIMO IN FUTURO LONTANO TUO CONCERTO ALTRO CHE MODENA PARK DOVE OVVIAMENTE C’ERO, SI PARLERA’ SECONDO ME DI ALMENO OLTRE LE 400/500 MILA PERSONE, L ‘ UNICA DIFFICOLTA QUEL GIORNO SARA TROVARE UNO SPAZIO IDONEO IN ITALIA. GRAZIE ANCORA KOMANDANTE UN TUO DEVOTO.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome