Kyle Eastwood, domani a Roma un live speciale

0

Domani sera alle ore 21 presso il Cortile di Alessandro VI Notti di Musica al Castello, la rassegna curata da Ernesto Assante (giornalista e critico musicale de la Repubblica) promossa dal Polo Museale del Lazio per ArtCity 2019, proporrà un concerto imperdibile: quello di Kyle Eastwood, raffinato musicista jazz figlio del monumentale Clint, pilastro di Hollywood prima come attore e poi come regista da oltre cinquant’anni.

Classe 1968, Kyle Eastwood suona il contrabbasso e il basso elettrico e con la pubblicazione del suo primo album, From There to Here, nel 1998, inizia la sua produzione discografica realizzando parallelamente le colonne sonore dei film del padre: Mystic River, Million dollar baby, Gran Torino e Invictus, tra le altre. Negli ultimi dieci anni, Eastwood ha suonato in alcuni dei festival e dei templi della Musica più importanti del mondo: l’Olympia di Parigi, il Jazz in Marciac sempre in Francia, il Monterey Jazz Festival in California, il Jurasum Festival in Corea del Sud, il Blue Notes di Tokyo e di New York, il Kampnagel di Amburgo e il Ronnie Scott’s di Londra. La sua musica fonde swing e groove con le armonie funk e l’ultimo album, In Transit, pubblicato nel 2017 contiene alcune coinvolgenti cover di Count Basie, Monk e Mingus e temi del cinema italiano. Il concerto di domani rappresenterà una delle rarissime occasioni per assistere a una performance live dell’artista nel nostro Paese.

Gli eventi di Castel Sant’Angelo rientrano in ArtCity-Estate 2019, un progetto organico di oltre cento iniziative di arte, architettura, letteratura, musica, teatro, danza e audiovisivo realizzato dal Polo Museale del Lazio in musei e altri luoghi d’arte di Roma e della regione. Questo il sito della rassegna.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Chiara Rita Persico
Classe ’83, nerd orgogliosa e convinta, sono laureata con lode in ingegneria dei sogni rumorosi ed eccessivi, ma con specializzazione in realismologia e contatto col suolo. Scrivo di spettacolo da sempre, in italiano e in inglese, e da sempre cerco di capirne un po’ di più della vita e i suoi arzigogoli guardandola attraverso il prisma delle creazioni artistiche di chi ha uno straordinario talento nel raccontarla con sincerità, poesia e autentica passione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome