Paul McCartney sta scrivendo un musical

0

In oltre 50 anni di carriera, Paul McCartney ha composto centinaia di hit, colonne sonore di film, composizioni di musica colta, libri per bambini, addirittura la colonna sonora di un videogioco, collaborando con ogni genere di artista, da John Lennon a Rihanna.

Adesso, il fresco 77enne di Liverpool ha davanti a sé una nuova sfida: il suo primo musical. Si tratta dell’adattamento del classico di Frank Capra, La vita è meravigliosa (It’s a wonferdul life), datato 1946. La storia racconta di George Bailey, un uomo nato e cresciuto in una piccola cittadina che, dopo aver dedicato la sua vita ad aiutare il prossimo, colto dalla disperazione, è sul punto di suicidarsi la sera della vigilia di Natale. In suo soccorso, grazie alle preghiere sue e di amici e familiari, arriverà un angelo custode mandato da Dio.

Con la produzione di Bill Kenwright, il musical debutterà alla fine del 2020 e, oltre a McCartney, potrà contare sulla penna di Lee Hall, già sceneggiatore di Billy Elliot e del biopic su Elton John, The Rocketman. «Come molte di queste cose, tutto è iniziato con una mail — racconta Paul — scrivere un musical non è qualcosa che mi abbia mai affascinato, ma Bill e io ci siamo incontrati con Lee Hall e abbiamo fatto una chiacchierata durante la quale mi sono ritrovato a pensare che questo potesse essere interessante e divertente».

«“La vita è meravigliosa” è il mio film preferito — ha dichiarato Lee Hall —, dargli vita sul palcoscenico è un privilegio immenso di per sé, ma avere a che fare con Paul McCartney è tutta un’altra cosa».

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Mattia Luconi
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome