A Fredi M. Murer il Pardo alla carriera del 72esimo Locarno Film Festival

Giovedì 15 agosto 2019 in piazza Grande a Locarno il regista, sceneggiatore, fotografo e disegnatore svizzero riceverà l’ambito riconoscimento

0
Foto Fredi M. Murer

Nel corso del festival saranno proiettate alcune delle sue opere più famose

Nato il 1°ottobre 1940 a Beckenried, sulle rive del lago dei Quattro Cantoni, Fredi M. Murer, ultimo di una famiglia di sei figli, nel ’53 a tredici anni rimane affascinato dal primo film della sua vita, Il monello di Chaplin, e nel ’59 entra alla Scuola di Arti Decorative di Zurigo. Dopo un anno passato a studiare disegno tecnico, si dedica alla fotografia.  Disegnatore di talento e fotografo dalla sottile immaginazione, si avvicina nel 1960 al linguaggio filmico frequentando incuriosito un’esposizione internazionale dedicata al cinema. L’amore per la settima arte è ormai irreversibile: «Dopo il ’65  — dichiarerà — vivo solo per i miei film». In quegli anni in Svizzera non vi è alcuna scuola cinematografica e il cinema lo si impara solo facendolo. Fin dai primi titoli Murer inizia con una serie di ritratti di suoi amici artisti, interpreti di una rottura con i valori del tempo (Chicoré e Bernhard Luginbühl, entrambi del 1966, e Passagen, 1972), spostandosi progressivamente verso il silenzioso mondo rurale alpino, a cui dà voce. Seguono il primo grande documentario Wir Bergler in den Bergen sind eigentlich nicht schuld, dass wir da sind (1974) e il suo primo lungometraggio, Grauzone (1979), metafora complessa e raffinata sul clima conformista che regnava in Svizzera prima delle rivolte giovanili dei primi anni Ottanta. La vera svolta arriva però con Höhenfeuer (1985), che racconta l’amore incestuoso di due fratelli isolati in un alpeggio fuori dal mondo. Tocca poi a Sehen mit anderen Augen (1987) e al suo secondo grande documentario, Der grüne Berg (1990). Nel 2006 gira Vitus (2006), interpretato da Bruno Ganz, che gli vale il Premio del cinema svizzero come miglior lungometraggio, oltre a numerosi riconoscimenti internazionali. Il suo ultimo film, basato su una novella scritta da sua madre, è Liebe und Zufall. Celebre è il suo motto: «Posso tranquillamente concepire tutto il cinema svizzero senza di me, ma pure me stesso senza il cinema svizzero».

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome