Notti magiche, inseguendo un gol: il tormentone del 1990 di Gianna Nannini e Edoardo Bennato

0
Notti magiche

1990, l’estate delle notti magiche. L’Italia dopo 56 anni torna ad ospitare i Mondiali di calcio e Totò Schillaci illude i tifosi: a suon di gol porta la Nazionale azzurra in semifinale e la Coppa sembra ad un passo. Nella notte di Napoli ci pensa però l’Argentina a rovinarci la festa, prima con il gol di Caniggia e poi con la lotteria dei rigori. Il sogno del successo sfuma ad un passo dal traguardo, nella maniera più dolorosa.

Se i Mondiali sono l’evento clou dell’anno, anche il tormentone canoro è legato alla manifestazione. Come canzone del torneo viene infatti scelta Un’estate italiana, cantata Gianna Nannini e Edoardo Bennato. I due, in quel periodo all’apice della popolarità, portano il brano in vetta alle classifiche di vendita già all’inizio dell’anno e lì restano fino all’autunno. I due artisti sono anche gli autori del testo, mentre la musica porta la firma di Giorgio Moroder.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome