Estate 1991: “Rapput”, il tormentone che non ti aspetti

0

Siamo nel 1991, un anno che vede profonde trasformazioni socio-politiche in tutto il mondo: a gennaio inizia l’operazione alleata in Iraq e parte così la Guerra del Golfo, mentre il primo febbraio il Sudafrica abolisce le ultime leggi razziali ancora in vigore, ponendo così fine all’apartheid. Il 7 marzo avviene il primo grande sbarco di profughi albanesi in Italia, che vede arrivare ben 27.000 persone, mentre il primo luglio in Germania parte il primo servizio commerciale di telefonia GSM, un evento che di lì a qualche anno porterà una vera e propria rivoluzione nelle nostre vite di tutti i giorni. Ancora più rivoluzionario, se vogliamo, l’evento del 6 agosto 1991: Tim Berners-Lee, inventore del World Wide Web, pubblica online il primo sito internet di sempre. Sempre in agosto, le repubbliche che costituivano l’ormai ex Unione Sovietica iniziano a dichiarare la propria indipendenza: nascono così Estonia, Lettonia, Ucraina, Bielorussia, Moldavia, Azerbaigian, Kirghizistan, Uzbekistan, Lituania, Tagikistan, Armenia.

Nel mondo della musica è l’anno di Achtung baby degli U2, di Dangerous di Michael Jackson, di Nevermind dei Nirvana, del Black album dei Metallica, di Use your illusion I & II dei Guns n’ roses, ma soprattutto della morte di Freddie Mercury, il 24 novembre 1991, a soli 45 anni, per complicazioni dovute all’AIDS.

In Italia, invece, a dominare la scena musicale è il tormentone che non ti aspetti.
Stiamo parlando di Rapput di Claudio Bisio, scritta insieme a Rocco Tanica, tastierista di Elio e le Storie Tese.
Il titolo è una fusione delle parole “rap” e “puttana”, che ricorre spesso all’interno del brano, a causa dell’indole gelosa del protagonista che rinfaccia alla compagna le sue vacanze solitarie in Grecia insieme all’amica Giovanna.
La curiosità maggiore riguardante questa canzone è la grande quantità di campionamenti e collage di brani famosi, peculiarità che caratterizzeranno la carriera degli Elio e le Storie Tese e la loro trasmissione radiofonica Cordialmente: troviamo, tra gli altri, Pensieri e parole di Lucio Battisti, con i versi iniziali che diventano “che ne sai della nostra fattoria che trafigge i solai, che ne sai?”, così come anche il celebre “tema di Syd” di Shine on you crazy diamond dei Pink Floyd e I watussi di Edoardo Vianello.

Il brano resterà primo nella classifica dei singoli più venduti per ben 11 settimane (di cui 9 consecutive), più altre 7 al numero due, restando quindi nella top 3 dei singoli ininterrottamente dal 6 luglio fino al 9 novembre.
A fine anno risulterà essere il singolo più venduto del 1991, davanti a Se stiamo insieme di Riccardo Cocciante, che aveva vinto il Festival di Sanremo, e perfino a Black or white di Michael Jackson.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Andrea Giovannetti
Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome