Tiro al piccione (1961), il film d’ esordio di Giuliano Montaldo

Giovedì 5 e venerdì 6 settembre 2019 alle ore 14.00 e 17.00 alla 76. Mostra D’ Arte Cinematografica - Venezia Classici la pellicola tratta dal romanzo di Giose Rinamelli

0

Il film è stato restaurato dalla Cineteca Nazionale di Roma

Alla fine degli anni ’50 esordiscono nel cinema italiano diversi autori: Pasolini, Olmi, De Seta, Petri, Damiani e altri, che rappresentano il passaggio di testimone a una nuova stagione creativa nella quale il pubblico torna ad affollare le sale dopo un periodo di difficoltà produttive e artistiche. Il ventinovenne Giuliano Montaldo, già attore e sceneggiatore, ha l’occasione di esordire dietro la macchina da presa con un soggetto piuttosto coraggioso e anticonformista: Tiro al piccione, riflessione sulle cause che hanno portato molti giovani italiani dopo l’8 settembre 1943 ad aderire alla Repubblica di Salò. Il protagonista, Marco Laudato (Jacques Charrier), nel settembre di quell’anno, spinto da confuse idee patriottiche, si arruola nelle Brigate nere e nel corso del duro addestramento si lega a Elia (Francisco Rabal), più anziano di lui, che in qualche modo lo protegge. Insieme compiono rastrellamenti, rappresaglie e imboscate ai partigiani. Marco in una di queste azioni non molto tattiche è ferito e trasportato all’ospedale come un eroe. Qui si invaghisce di Anna (Eleonora Rossi Drago), un’ausiliaria non più giovane che per breve periodo lo corrisponde, finché la donna non fugge in Svizzera con il capitano Mattei (Carlo D’Angelo), un disertore. Tornato al reparto, il giovane, spaventato dalla ferocia di un ufficiale e dalla fucilazione dell’amico Elia che aveva tentato di fuggire (tocca a lui dargli il colpo di grazia), entra in  una crisi morale profonda. In un ultimo combattimento contro i partigiani ormai vittoriosi sul campo, Marco si ritrova solo e disperato in mezzo ai cadaveri dei suoi commilitoni. Alla Mostra di Venezia del 1961 il film non viene capito, e le critiche, anche pesanti, arrivano al povero Montaldo e al suo tentativo di mettere in  luce le responsabilità dell’educazione fascista sui giovani in quel tragico periodo storico italiano. Inoltre la scelta non felice del protagonista (operata dai produttori per questioni di mercato), l’attore francese Jacques Charrier, non certamente molto espressivo, ha contribuito al suo insuccesso, nonostante la presenza di uno stuolo di ottimi attori italiani: Sergio Fantoni, Gastone Moschin, Carlo D’Angelo, Enzo Cerusico e altri. A distanza di quasi sessant’anni, Tiro al piccione è un film che merita di essere visto e rivisto, soprattutto in considerazione del fatto che Montaldo proprio al tema della Resistenza ha dedicato due opere, Achtung banditi! di Carlo Lizzani, dove interpretava il commissario partigiano Lorenzo, e L’Agnese va a morire, da lui diretto, una delle più belle prove cinematografiche sulla lotta al nazifascismo.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome