Boia, maschere e segreti: l’horror italiano anni ’60

Giovedì 5 settembre 2019 alle ore 16.45 alla sala Volpi nell’ambito del 76° Festival d’ Arte Cinematografica di Venezia il documentario di Steve Della Casa

0

La pellicola è prodotta da Pierfrancesco Fiorenza per Produzione Straordinaria.

Negli anni Sessanta per merito di Riccardo Freda e Mario Bava nasce la nuova stagione del cinema horror, che conquista un suo fedele pubblico. È un cinema artigianale fatto con pochi soldi costituito da vampiri, spettri e necrofili immersi in un’atmosfera gotica che si ispira alla Hammer Films Production, società cinematografica britannica specializzata nei generi più seriali. Nel 1960 arrivano sugli schermi La maschera del demonio di Mario Bava, Il mulino delle donne di pietra di Giorgio Ferroni e successivamente L’orribile segreto del dottor Hichcock, 1962, Lo spettro, 1963, di Freda, La vergine di Norimberga, 1963, di Antonio Margheriti, La frusta e il corpo, 1963, e I tre volti della paura, 1964, di Bava. Per diversi anni gli uffici delle case di produzione italiane saranno sommersi da copioni scritti dai migliori sceneggiatori.  Con il contributo di alcuni maestri (Dario Argento, Pupi Avati) e di importanti critici francesi (Frédéric Bonnaud, Jean Gili, Jean-François Rauger, Bertrand Tavernier), il documentario ripercorre le particolarità e i punti forti di un approccio molto originale all’horror, nel quale estetica pop e contenuti trasgressivi hanno un ruolo molto importante, tale da rendere unica la produzione italiana del decennio.  «Il cinema popolare italiano è un universo ricco di fascino e spesso ancora non esplorato — spiega il regista Steve Della Casa, direttore artistico del BA Film Festival — Raccontare l’horror italiano degli anni Sessanta significa analizzare un percorso produttivo dove la ristrettezza di mezzi finanziari non era vissuta come un limite, ma come una possibilità di sperimentare grandi innovazioni sul piano estetico e anche nei contenuti».

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome