17 Settembre 1962, nasce Baz Luhrmann

0

Australiano di origine, Mark Anthony “Baz” Luhrmann è figlio di una insegnante di danza e del gestore di un cinema/teatro (annesso a una pompa di benzina: paese particolare, l’Australia), e questo già dice tutto sulla strada che seguirà. La passione per le scene e il ballo, e il canto, lo accompagnano da subito. Baz è il soprannome che gli diede il padre, è che è diventato il suo nome ufficiale nel 2008.

Il suo film d’esordio, Ballroom – Gara di ballo (1992), è un gran esuccesso in Australia, e col suo stile saturo, kitsch, deflagrante, lo fa subito notare a Hollywood, che gli offre la possibilità di rivisitare il classico dei classici, ovvero Romeo e Giulietta, e lui fa la stessa operazione compiuta da Robert Wise negli anni ’60 con West Side Story, ovvero lo modernizza, rendendolo urbano e nuovamente attraente per un pubblico giovane: il suo Romeo + Juliet del 1994 (da quella volta, il segno “+” sostituisce “&” per almeno un decennio) non solo è divertente, intenso, coglie e rinforza lo spirito camp del periodo (del resto, Priscilla la regina del deserto è di 2 anni prima!) e lancia definitivamente Leonardo DiCaprio come idolo teen. Chiude la trilogia del “Tappeto Rosso” (come è nota ora) forse il suo successo maggiore, ovvero Moulin Rouge del 2001, (anche riconosciuto con 8 nomination e 2 vittorie agli Oscar), musical straripante con Ewan McGregor e Nicole Kidman.

Da lì, la sua attività di regista di lungometraggi si fa rarefatta: Australia, omaggio alla sua terra di origine (con attori australiani nei ruoli principali, ovvero ancora la Kidman e Hugh Jackman) è del 2008, e Il Grande Gatsby, a oggi il suo ultimo lavoro, è del 2013. Storico il suo flop The Get Down (2016) su Netflix, serie TV più costosa mai realizzata e durata solo una stagione. Si vocifera di un suo film su Elvis…

Altre ricorrenze

  • 1964, nasce Bryan Singer, regista de I soliti sospetti e X-Men
  • 1965, nasce Kyle Chandler, attore di Super 8 e Argo
  • 1975, nasce Alessandro Siani, attore de Il principe abusivo e Benvenuti al Sud

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome