Pippo Pollina, il nuovo tour tra impegno civile e storie di vita

0

Pippo Pollina torna al disco e a un tour italiano che lo vedrà in alcune città tra cui a Torino il 19 novembre e a Milano il 20, presso il prestigioso Auditorium San Fedele. Il tutto anticipato da una bella serata che si è svolta a Milano alla Casa della Memoria. L’evento, dal titolo emblematico de Le Cento Chimere di Pippo Pollina, è stato promosso da  ANPI e Libera, con il supporto dello storico paladino della legalità Nando Dalla Chiesa, della voce narrante dell’attore teatrale Gianluca Stetur e Roberto Cenati, Presidente ANPI provinciale Milano e membro del comitato scientifico della Casa della Memoria: con loro, Pippo ha ricordato alcune tappe della sua carriera.

Nando Dalla Chiesa lo ha ripetutamente invitato a dedicare spazio nei suoi spettacoli per ricordare il suo chiaro impegno civile e contro ogni sopruso della mafia. Il cantautore, che ha conosciuto bene l’argomento avendo collaborato da giovane con il giornale di Giuseppe Fava, ucciso proprio dalla mafia, non si sottrae e argomenta le sue scelte: ricorda che, a suo tempo, a Palermo andò a vedere uno spettacolo di Giorgio Gaber, Polli di allevamento. A fine concerto, ebbe l’occasione di assistere a un incontro pubblico con Gaber, e qualcuno chiese all’artista perché non parlasse mai di mafia nelle sue canzoni. La domanda inaspettata mise in difficoltà Gaber, che dopo un momento di silenzio dovette ammettere che lui non conosceva così bene l’argomento e dunque non gli era facile inserirlo nelle canzoni. Pollina fa anche notare che pure gli scrittori siciliani non hanno molto poco affrontato il tema mafia nei loro racconti, questo perché c’è una tendenza a non sembrare troppo regionali e dunque racchiudere la mafia in un territorio circoscritto. Ancora Pollina fa presente che lui stesso, quando viene invitato a cantare in Sicilia, non manca di presentare proprio le sue canzoni dichiaratamente contro la mafia, come quelle scritte in memoria di Peppino Impastato e Pino Puglisi, vittime dei clan. In ogni caso Pollina avvisa che il suo essere artista gli impone una visione allargata della realtà e quindi nelle sue canzoni trovano posto l’amore e la vita, con le canzoni Il pianista di Montevideo e Laddove crescevano i melograni, interpretati anche al Premio Tenco 2018, in occasione del quale ha ricevuto la Targa Tenco.

Il tour italiano di Pippo Pollina toccherà il 19 Novembre Torino, Teatro Vittoria; il 20 Milano, Auditorium San Fedele; il 21 Porto San Giorgio (FM), Teatro Comunale; Il 22 Scandicci (FI), Nuovo Auditorium, il 23 Verona, Teatro Stimate.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Giordano Casiraghi
Nato in Lombardia, prime collaborazioni con Radio Montevecchia e Re Nudo. Negli anni 70 organizza rassegne musicali al Teatrino Villa Reale di Monza. È produttore discografico degli album di Bambi Fossati e Garybaldi e della collana di musica strumentale Desert Rain. Collabora per un decennio coi mensili Alta Fedeltà e Tutto Musica. Partecipa al Dizionario Pop Rock Zanichelli edizioni 2013-2014-2015. È autore dei libri Anni 70 Generazione Rock (Editori Riuniti, 2005 - Arcana, 2018) e Che musica a Milano (Zona editore, 2014).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome