La morte che assolve (1918) – film interpretato da Elettra Raggio

Martedì 8 ottobre 2019 alle ore 17 durante le Giornate del Cinema Muto di Pordenone la versione restaurata del lungometraggio diretto da Carlo Alberto Lolli

0

A cura della Fondazione Cineteca Italiana di Milano

Artista eclettica e figura singolare nel panorama culturale dell’epoca, Elettra Raggio, al secolo Ginevra Francesca Rusconi, fu attrice, produttrice cinematografica e scrittrice. Si dice che fosse stato lo scienziato Guglielmo Marconi ad attribuirle il suo nome d’arte. Nata a Milano il 21 febbraio 1887 in una famiglia alto borghese, inizia la sua carriera nel teatro. Il passaggio al cinema avviene nel 1915, anno in cui la Raggio si cimenta in tutte le fasi della produzione cinematografica, fondando l’anno successivo la sua casa di produzione, la Raggio Film. La sua produzione filmica, concentrata tra il 1915 e il 1922, manifesta un approccio al cinema volto più alla ricerca intellettuale e artistica piuttosto che a una dimensione commerciale, prendendo numerosi elementi dal mondo teatrale da cui proveniva. Durante la sua vita si dedica anche all’attività editoriale e alla produzione di film per ragazzi.

Alla fine degli anni Cinquanta dona alla Fondazione Cineteca Italiana il suo archivio di fotografie, frammenti filmici, materiali pubblicitari e l’unica copia esistente de La morte che assolve. Il film racconta la storia di una giovane donna, Erica, cresciuta in una ricca famiglia borghese americana, che scopre di avere in realtà umili origini. Coinvolta in una vicenda di rapimenti, viene salvata dal padre che le rivela la sua vera identità e redime così i suoi errori del passato. Elettra Raggio, nel doppio ruolo della madre Maddalena e della figlia Erica, dà prova di grande competenza attoriale, passando dalla parte dimessa, malata e sofferente di Maddalena alla giovinezza frizzante e prorompente di Erica. Il film vanta anche la partecipazione del grande attore Ermete Novelli, già icona del teatro nazionale dell’epoca, nel ruolo del padre Folco, sua ultima interpretazione cinematografica. La morte che assolve viene presentato in versione restaurata con un nuovo accompagnamento musicale. Il MicLab di Fondazione Cineteca Italiana ha effettuato una scansione in 2K dell’originale negativo in supporto nitrato. Le didascalie, mancanti nel negativo, sono state aggiunte facendo riferimento alla trama consegnata nel visto di censura. I colori sono stati costruiti studiando frammenti di altri film della Raggio Film, consegnati da Elettra Raggio a Fondazione Cineteca Italiana. Il film sarà disponibile in DVD per la collana I Tesori del MIC in DVD a partire da ottobre. All’interno, una serie di contenuti speciali, tra cui un viaggio fotografico nel cinema di Elettra Raggio, materiali filmici inediti, la trama completa del film e un’intervista alla storica di cinema italiano Elena Mosconi.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome