BMA, Luca Carboni è l’ospite della finalissima

0

Si chiuderà venerdì 18 ottobre la terza edizione di BMABologna Musica d’Autore, lo Showcase Festival organizzato da Fonoprint Studios che ha portato la nuova musica italiana a Bologna da giugno a ottobre con una serie di interessanti eventi.

Verranno così svelati anche i vincitori del contest, al quale hanno preso parte oltre 150 giovani artisti provenienti da ogni angolo d’Italia con i linguaggi sonori più disparati: i concorrenti che accederanno alla finale sono otto — Cardo, Il Numero Diciotto, Miglio, Nebbiolo, Neno, Nibirv, Sid, Vergine — e si esibiranno dal vivo al Teatro Duse (Via Cartoleria 42), luogo fortemente radicato nella cultura della città, che per la prima  volta ospiterà la serata di chiusura della rassegna. Diversi gli eventi collaterali, che avranno luogo in spazi quali le Serre dei Giardini Margherita (18 giugno) e il Covo (20 settembre). E sarà proprio il Covo ad anticipare il 4 ottobre, con i live di Dola, Gente e tanti altri, l’evento del 18 ottobre, presentato da Matteo Bordone di Rai Radio 2. Gli artisti finalisti saranno ascoltati e valutati da una commissione presieduta da Mogol, della quale faranno parte Sergio Cerruti (Presidente AFI), Alessandro Ceccarelli (BPM Concerti), Matteo Romagnoli (Garrincha Dischi) e Parix Hilton (artista e produttore).

Il primo classificato avrà diritto a 10 giornate di registrazione, mix e mastering presso gli studi Fonoprint con fonico resident; al vincitore del Premio Miglior Testo sarà attribuita una borsa di studio completa per percorso formativo al CET – Centro Europeo di Toscolano; infine, al vincitore del Premio Miglior Performance Live verrà offerta l’opportunità di registrare e pubblicare una puntata di Fonoprint Live Session.

La serata del 18 ottobre sarà anche l’occasione per un’immersione nella musica d’autore italiana, con la presenza sul palco di due giovani molto amati dalle ultime generazioni, AINÉ e Viito, e di un cantautore dalla carriera ultratrentennale, Luca Carboni, che torna al BMA dopo essere stato ospite della prima edizione del 2017.

La grande novità dell’edizione 2019 di BMA è il suo essere diventato un contest diffuso, strettamente legato alle realtà musicali del territorio che contribuiscono a fare del capoluogo emiliano la Città della Musica UNESCO. All’interno di questa visione si colloca la collaborazione con il Comune di Bologna per l’iniziativa Il mercato della musica, ciclo di incontri di approfondimento in Sala Borsa sulle professionalità che permettono alle creazioni sonore di diventare realtà condivisa tra gli artisti e gli ascoltatori: dopo il primo appuntamento del 19 settembre con il produttore Parix Hilton (Rkomi, Clementino), e quello, lo scorso 3 ottobre, con Matteo Romagnoli, direttore artistico di Garrincha Records (Lo Stato Sociale, Ex-Otago), il terzo, il 17 ottobre, sarà dedicato a Celso Valli:

Produrre e arrangiare i grandi successi della musica italiana
Giovedì 17.10 / ore 18.00

Conduce Pierfrancesco Pacoda, giornalista e critico musicale. La figura del produttore, dell’arrangiatore e del direttore d’orchestra nella carriera degli artisti, raccontata da chi ha collaborato con big della musica italiana come Baglioni, Ramazzotti, Vasco Rossi, Bocelli, Mina, Laura Pausini, Giorgia, Matia Bazar e tantissimi altri. 

Partner di BMA 2019 sono il Comune di Bologna, la Regione Emilia Romagna, Bologna UNESCO City of Music, Bologna Welcome, AFI, SIAE, FIMI, Nuovo IMAIE, PMI. Per ulteriori informazioni, vi rimandiamo al sito ufficiale del festival.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Chiara Rita Persico
Classe ’83, nerd orgogliosa e convinta, sono laureata con lode in ingegneria dei sogni rumorosi ed eccessivi, ma con specializzazione in realismologia e contatto col suolo. Scrivo di spettacolo da sempre, in italiano e in inglese, e da sempre cerco di capirne un po’ di più della vita e i suoi arzigogoli guardandola attraverso il prisma delle creazioni artistiche di chi ha uno straordinario talento nel raccontarla con sincerità, poesia e autentica passione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome