“Ovunque”, il nuovo singolo di Simone Tomassini

0

Simone Tomassini ritorna e festeggia 15 anni di carriera con un nuovo singolo: tanti anni sono passati infatti da quando ha esordito al Festival di Sanremo 2004 chiamandosi semplicemente Simone e cantando È stato tanto tempo fa, primo artista in assoluto ad essere prodotto dall’etichetta Bollicine di Vasco Rossi. Il sodalizio col Blasco è poi continuato in quegli anni, aprendo tutti i concerti del Buoni o cattivi tour 2004-2005 e pubblicando gli album Giorni (2004) e Buon viaggio (2005), fino ad arrivare ad un concerto sold out all’Alcatraz di Milano immortalato su DVD. Negli anni successivi sono arrivati Sesso gioia e rock’n’roll nel 2006, Simone Tomassini nel 2011 e Felice nel 2016, più alcuni singoli tra cui Niente da perdere (2007, primo su iTunes per ben 60 giorni) e Spero davvero nel 2012.

Ovunque (Cello Label – Ed. Curci) è il titolo del nuovo singolo di Simone Tomassini, disponibile per il download e su tutte le piattaforme di streaming digitale. È proprio lui a presentare il brano: «L’amore è stato cantato, letto, recitato, parlato, e presentato in tutti i modi possibili e immaginabili. Ma c’è un posto, un solo posto dove l’amore germoglia, cresce e fiorisce… questo magico posto è: ovunque! Ovunque è il mio concetto d’amore. Ovunque è uno status, ovunque è l’amore e ovunque c’è bisogno di amare è amore. Torno con questa idea, questo concetto e questa convinzione che non importa dove ti trovi o con chi sei o perché sei lì. L’importante è amare… Ovunque! Vuoi restare con me …ovunque? Credo che sia la dichiarazione d’amore più bella che si possa fare e ricevere. Ho scritto questo brano con Andrea Bonomo e Emiliano Bassi, due autori incredibili che stimo e apprezzo. Sono sicuro che ‘Ovunque’ sarà non solo il mio nuovo singolo ma sarà il mio nuovo posto dove vorrò vivere e rifiorire per sempre!».

Se del testo ci ha già detto tutto Simone, musicalmente l’inizio del brano segue un ritmo che richiama la dance, con dei sintetizzatori e una cassa in quattro, poi il ritornello si apre e il classico stile pop-rock del cantautore comasco emerge prepotente, rimandando alle sonorità dei suoi primi dischi e a brani come Il mondo che non c’è.

Ecco il videoclip del brano, mentre più in basso trovate il testo.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Ecco il testo del brano:

Del nostro tempo
Della pazienza
Della mia camicia che ti metti

Della certezza
Che ami di faccia
Dell’autunno e dei tuoi piedi freddi
Delle grida dietro ad una porta

Dei concerti o in mezzo all’infinito
Ci saresti stata tu comunque
E comunque l’ho sempre saputo

T’immaginavo da bambino che correvi con me
E adesso guardaci qui veramente
T’immaginavo così bella esattamente come sei
Che dici mentre la tua mano mi stringe andiamo
Ovunque
Ovunque
Ovunque vuoi

Della tua rabbia
Dei miei silenzi
Quante notti hai messo insieme i pezzi
E pianeti sotto le coperte

Così stretti che hai le braccia rotte
Tu mi hai detto non si torna indietro
Ci credi che l’ho sempre saputo io?

T’immaginavo da bambino che correvi con me
E adesso guardaci qui veramente
T’immaginavo così bella esattamente come sei
Che dici mentre la tua mano mi stringe andiamo
Ovunque
Ovunque
Ovunque vuoi
Ovunque
Ovunque
Ovunque vuoi

Della strada, le scelte, le scuse sepolte
del tempo dovuto che devo a te
Dell’abisso e la lotta infinita a me stesso
Che mi avresti salvato
L’ho sempre saputo
Ci credi l’ho sempre saputo

T’immaginavo da bambino che correvi con me
col fiato corto ma continuamente
T’immaginavo così bella esattamente come sei
Che dici mentre la tua mano mi stringe andiamo
Ovunque
Ovunque
Ovunque vuoi
Ovunque
Ovunque
Ovunque noi

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Andrea Giovannetti
Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome