Weekend al cinema, il ritorno di Malefica e lo spin-off de “Il grande Lebowski”

0
Malefica

È un weekend davvero interessante quello che attende gli appassionati di cinema. L’offerta è talmente ampia che non ci sono davvero scuse per non passare almeno due ore in sala.

Nel 2014 Maleficent, rivisitazione Disney della celebre fiaba La bella addormentata nel bosco, era diventato immediatamente un film di culto. Cinque anni dopo arriva nelle sale Maleficent – Signora del male, sequel di quel primo episodio. Cambia la regia, questa volta firmata da Joachim Rønning, mentre il cast resta in gran parte invariato, con alcuni nuovi innesti importanti come quello di Michelle Pfeiffer. La regina è sempre Angelina Jolie, nella parte di Malefica. In questo nuovo episodio Aurora vuole sposare il principe Filippo, ma la madre di lui progetto di separare definitivamente umani e fate. Malefica ed Aurora si troveranno così ancora su sponde opposte.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

La definizione di personaggio di culto ben si adatta a Jesus Quintana, il personaggio interpretato da John Turturro nell’indimenticabile Il grande Lebowski. Ora Turturro ha deciso di rispolverare il personaggio, cimentandosi anche come regista, e si presenta nelle sale con Jesus Rolls – Quintana è tornato, spin-off del film dei fratelli Coen, ma anche remake de I santissimi, pellicola del 1974 di Bertrand Blier. La storia raccontata è quella di un trio di disadattati in fuga da un parrucchiere armato di pistola, ma anche dalla legge e dalla società. Nel ricchissimo cast figurano, oltre allo stesso Turturro, anche Audrey Tatou, Susan Sarandon, Christopher Walken e Sonia Braga.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

I film di François Ozon non lasciano mai indifferenti. E si può star certi che sarà così anche con questo nuovo Grazie a Dio, vincitore dell’Orso d’argento, gran premio della giuria, all’ultimo Festival di Berlino. Il film racconta la storia di un giovane padre di famiglia che scopre che il prete che abusò di lui da bambino è tornato in zona. Insieme ad altre due vittime, l’uomo cercherà di abbattere il muro del silenzio e portare il sacerdote davanti alla giustizia.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Se mi vuoi bene è la nuova commedia di Fausto Brizzi, ispirato all’omonimo romanzo dello stesso regista pubblicato nel 2015. Protagonista della storia è un avvocato di successo che si convince che per uscire dalla palude emotiva nella quale è sprofondato l’unica ricetta è fare del bene a tutti i propri cari. Finirà ovviamente per combinare molti guai. Nel cast ci sono, fra gli altri, Claudio Bisio e Sergio Rubini, ma anche Cochi Ponzoni e Memo Remigi.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Il mio profilo migliore di Safy Nebbou racconta la storia di una 50enne che crea un falso profilo Facebook per spiare l’ex amante. Nel mondo virtuale finirà con il conoscere un amico del suo compagno e tra i due scoccherà l’amore. Il film si regge in gran parte sulle spalle della sempre bravissima Juliette Binoche.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Escono anche (cliccando sui titoli potete vedere i trailer) The Informer – Tre secondi per sopravvivere di Andrea Di Stefano, The Kill Team di Dan Krauss e Yuli – Danza e libertà di Icíar Bollaín.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome