The Thing – La cosa da un altro mondo, 1951

Venerdì 25 ottobre 2019 alla Fondazione Prada di Milano alle ore 19.00 la proiezione di un classico del cinema di fantascienza degli anni Cinquanta

0

Nell’ambito della rassegna Soggettiva John Baldessari

In una base americana al Polo Nord comandata dal capitano Pat Hendry, precipita un disco volante dal quale viene estratta una creatura misteriosa ibernata nel ghiaccio. Per un errore, la sua tomba gelata si scioglie e l’alieno vegetale dalle sembianze umanoidi che si nutre di sangue semina il terrore tra il personale della basa artica prima che venga eliminata dall’alta tensione. Classico del genere fantascientifico, il film tratto dal racconto Who Goes There? di John W. Campbell, prodotto e in parte diretto da Howard Hawks, è il primo che mostra l’arrivo sulla terra di un alieno mostruoso. Sono gli anni della guerra fredda, e il successo del filone fantascientifico è in qualche misura dovuto anche alla paura dei rossi, alieni venuti da un altro mondo (il comunismo) per sottomettere la democrazia e il modo di vita americano. Questi mostri scendono dal cielo per sedurre le donne e soggiogare gli uomini. Nonostante queste premesse paurose, gli extraterrestri continueranno a rimanere molto popolari tra il pubblico delle sale cinematografiche. Ultimatum sulla Terra, 1951, di Robert Wise; Destinazione Terra!, 1953, di Jack Arnold; La guerra dei mondi, 1953, di Byron Haskin; L’invasione degli ultracorpi, 1956, di Don Siegel, sono alcuni dei titoli più famosi  e di grandissimo successo. Nel 1982 John Carpenter firmerà un remake  di The Thing intitolato La cosa noto anche per gli effetti speciali straordinari di Rob Bottin.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome