Sabba, demoni e Belzebù – La stregoneria che viene dal freddo

Giovedì 31 ottobre 2019 una giornata dedicata alla festa di Halloween dalle ore 17.00 al MIC- Museo Interattivo Cinema di Milano

0

Un film d’ animazione per bambini e per i più grandi un celebre film muto horror

Nel massimo del suo splendore, il cinema scandinavo nel 1920, grazie a due autori danesi, Carl Th. Dreyer e Benjamin Christensen, è in grado di competere con la forte industria hollywoodiana sfornando produzioni di alto livello tecnico e stilistico. Christensen gira negli studi svedesi di Svensk, tra il 1918 e il 1921, La stregoneria attraverso i secoli (ore 21.00 con accompagnamento musicale di Francesca Badalini al pianoforte e di Emanuele Cedrone alle percussioni). Il film (in originale Häxan) è un impressionante affresco sulla storia della stregoneria, a metà tra la fiction e il documentario, contenente pagine di forte drammaticità e di crudo realismo. L’opera, ispirandosi nell’eleganza formale delle inquadrature alla pittura di Bosch, Bruegel e Goya e al gusto tutto fiammingo per la natura morta, si avvale della straordinaria fotografia di Johan Ankerstjerne, notturna e tenebrosa, che anticipa il capolavoro di Dreyer, La passione di Giovanna d’Arco. Christensen, per realizzare questa inquietante panoramica sulla stregoneria, si documenta leggendo attentamente i processi giudiziari dei secoli XVI e XVII. Con un’audacia all’epoca impensabile, il regista descrive senza mezzi termini scene repellenti e spaventose: messe nere, neonati gettati in marmitte, giovani streghe copulanti con orrendi demoni e perfino il deretano di Satana, insieme a flaccidi seni di vecchie torturate. La pellicola, fortemente contestata alla sua uscita sugli schermi dalle indignate associazioni cristiane, è in realtà un chiaro atto d’accusa contro l’ingiustizia e l’intolleranza e un richiamo alla coscienza dell’uomo, affinchè la ragione sappia prevalere sull’ignoranza e la superstizione. Alle ore 17.00 il programma precede la proiezione del film d’animazione per bambini Il libro della vita, 2014, diretto da Jorge R. Gutierrez e basato sulla festa di Día de Muertos della tradizione messicana.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome