Zorro Story (2019), un film di Franco Longobardi

Domenica 3 novembre 2019 alle ore 17.00 al MIC- Museo Interattivo Cinema Milano i cento anni di Zorro, il leggendario cavaliere mascherato

0

Un’anteprima assoluta con l’introduzione del regista

Il mitico eroe mascherato, creato dal reporter Johnston McCulley, che incide con la spada la Z sulla pelle dei suo nemici diviene famoso a Hollywood nel 1920 per merito del divo hollywoodiano Douglas Fairbanks, interprete del film Il segno di Zorro. La pellicola ha un successo planetario e regala al personaggio immensa popolarità. Segue Don Q. Son of Zorro, 1925 di Donald Crisp e molte altre versioni, Il segno di Zorro, 1940 di Roben Mamoulian con Tyrone Power; Zorro, 1975 di Duccio Tessari, protagonista l’atletico Alain Delon fino a La maschera di Zorro, 1998 di Martin Cambell con Antonio Banderas, questa volta non uno spadaccino aristocratico, ma un povero ladruncolo. Non mancano anche le parodie: Il segno di Zorro, 1952 di Mario Soldati con Walter Chiari, nipote dell’eroe a volte coraggioso, altre codardo dopo ogni caduta da cavallo; Zorro e i tre moschettieri, 1963 di Luigi Capuano e Zorro contro Maciste, 1963 di Umberto Lenzi e perfino uno Zorro gay e confusionario in Zorro mezzo e mezzo, 1981 di Peter Medak.  Il film di Franco Longobardi e Lorenzo Bassi, realizzato per la Fondazione Cineteca Italiana di Milano, con la preziosa introduzione del regista Franco Longobardi, mostra come si è evoluto nel tempo il personaggio e tutti i più importanti interpreti che gli hanno dato vita. Dal suo più immediato antenato ai suoi più svariati discendenti, come gli odierni supereroi. Saranno rivelate le curiose versioni di Zorro, dal comico al femminile, fino al suo arrivo trionfale in televisione che ne ha cristallizzato la popolarità fino ad oggi. Per l’occasione, verrà finalmente proposta la trasposizione originale del romanzo di McCulley, La maledizione di Capistrano del 1919. L’iniziativa si propone come un’emozionante immersione vintage per gli appassionati e una divertente scoperta culturale sulle sorprendenti affinità del personaggio con gli attuali protagonisti del cinema d’azione.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome