Le suore di clausura: «Che bello sarebbe se Jovanotti venisse a trovarci»

0
Jovanotti

Sul Corriere della Sera di oggi c’è una lunga intervista di Walter Veltroni a Madre Badessa Manuela Corvini e suor Fedele, monache di clausura nel monastero di Santa Lucia a Città della Pieve (PG).

Ad un certo punto Madre Manuela confessa la sua passione per L’infinito di Leopardi, e fin qui siamo nell’alveo della “normalità”: «(…) c’è quel verbo “s’annega” che mi aveva interessato tanto e avete trovato quella frase dello Zibaldone che dava una spiegazione: Leopardi parla della compassione e dice che la compassione è quasi una negazione che l’uomo fa di se stesso, e del proprio egoismo (…)».

Più sorprendente, semmai, l’affermazione di suor Fedele che, alla domanda «per lei qual è il riferimento letterario più importante?», risponde: «La canzone di Jovanotti, Penelope. Quando stavo facendo il cammino, era uscita la canzone che diceva proprio: “Chiara era una ricca signorina che divenne più ricca quando ebbe la povertà”. Jovanotti è il mio poeta preferito. Mi piacerebbe venisse a trovarci».

Penelope è la canzone N° 7 dell’album Buon sangue, publicato nel 2005. Jovanotti la scrisse assieme a Michele Canova. Una curiosità: l’armonica la suona Edoardo Bennato… Buon ascolto.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Redazione
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome