Tre prime serate del sabato di Rai 1 dedicate a De André, Dalla e Battisti. Il timoniere è Enrico Ruggeri

4
Una storia da cantare

Tre grandi musicisti italiani, secondo alcuni i più grandi di tutti – Fabrizio De André, Lucio Dalla e Lucio Battisti – saranno celebrati nel corso di altrettante “prime serate” mandate in onda in diretta su Rai 1 a partire da sabato 16 novembre. Il programma si intitola Una storia da cantare. Timoniere, nel ruolo di narratore, sarà Enrico Ruggeri, grande esperto della materia, nonché ottimo affabulatore. Per l’occasione sarà affiancato da Bianca Guaccero: metteranno insieme parole e note, aneddoti e curiosità, filmati e testimonianze, canzoni e momenti memorabili, per raccontare una storia musicale che appartiene a tutti noi.

In ogni puntata big e giovani cantautori interpreteranno dal vivo i più bei brani di De André, Dalla e Battisti, sostenuti da una grande band diretta da Maurizio Filardo, davanti alle ottocento persone del pubblico dell’Auditorium Rai di Napoli. Insieme a loro, amici, attori e personaggi dello spettacolo racconteranno il loro rapporto esclusivo con i cantautori e le loro canzoni. Tra gli ospiti della prima puntata, dedicata a Fabrizio De André, ci saranno: Dori Ghezzi, Massimo Ranieri, PFM, Paola Turci, Nek, Morgan, Loredana Bertè, Lino Guanciale, The André, Elena Sofia Ricci, Anastasio, Ornella Vanoni e Willie Peyote.

Faber e i due grandi Lucio erano artisti che sapevano guardare il mondo con occhi diversi, descrivendolo con straordinaria creatività e poesia. Insomma, sapevano volare e far volare chi li ascoltava. Non per questo erano avulsi dalla realtà che li circondava, anzi vi erano immersi fino al collo. Ecco perché in questo “viaggio” non potevano mancare le città a cui questi artisti erano legati a filo doppio. Infatti saranno coinvolti alcuni “inviati” d’eccezione, per esempio Mauro Pagani che si collegherà dal Porto Antico di Genova per parlare di De André; oppure Ron e Gigi D’Alessio dalla casa di Lucio Dalla nel cuore di Bologna.

La curiosità per vedere come sarà realizzato il programma è tanta, ovviamente le attese sono alte. Speriamo solo che, con la scusa che va in prima serata il sabato, non si banalizzi il tutto, sprecando un’occasione straordinaria. Del resto che il pubblico del sabato sera non sia più quello mummificato di qualche anno fa lo ha dimostrato alla grande Alberto Angela, che con un programma intelligente come Ulisse ha spodestato dal trono degli ascolti una corazzata come Amici di Maria De Filippi. Speriamo davvero che Enrico Ruggeri, affiancato da una squadra sulla carta molto valida (è un programma scritto da Ernesto Assante, Gino Castaldo, Matteo Catalano, Alberto Di Risio, Angela Fortunato, Duccio Forzano e Pietro Galeotti. La regia è di Duccio Forzano) sia l’Alberto Angela della musica.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Massimo Poggini
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino) e "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi". Ultimo libro uscito: "Massimo Riva vive!", scritto con Claudia Riva.

4 COMMENTI

  1. Serata poco divertente
    Tutto sembra finto e fatto per forza povero de André
    Tra ranieri, berte e Ciliegina sulla torta la SIGNORA Ornella vanoni
    Con le sue povere uscite volgari
    Brava la turci

  2. La solita RAI (e Dori Ghezzi che certe cose non dovrebbe permetterle). Ma per favore, lasciatelo stare De André. Non è pane per i vostri denti!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome