Alain Cavalier, un regista dalla carriera esemplare

Dal 17 al 21 novembre 2019 al Cinema Beltrade, all’ Arcobaleno Film Center, al Film Tv Lab Milano la rassegna su un autore di culto del celebre film Thérèse

0
Foto film La chamade

Nell’ambito del Filmmaker Festival

Nato a Vendôme nel 1931, Alain Cavalier è considerato un regista senza etichette, schivo e poco incline all’ esposizione mediatica. Il suo primo lungometraggio è Le combat dans l’ile, 1962, seguito da altri piccoli film passati inosservati. Nel 1968 firma La chamade (letteralmente “il cuore in gola”) dal romanzo di Françoise Sagan con Catherine Deneuve e Michel Piccoli, la storia di una coppia alla ricerca di un proprio equilibrio. Il film ottiene successo, ma Cavalier per il timore di essere coinvolto da un sistema produttivo troppo invadente, per sei anni si ritira dalle scene limitandosi a scrivere sceneggiature anonime e lavorando per la pubblicità. Dopo altre regie, Le plein de super, 1976, Martin et Léa, 1978, Un étrange voyage, 1980, ispirato ad un fatto di cronaca, il viaggio notturno in treno di una signora giapponese che scompare improvvisamente, nel 1986 gira Thérèse, incentrato sulla vita in convento della carmelitana che sarebbe poi diventata la santa Teresa di Lisieux, realizzando una pellicola non confessionale sul mondo della clausura che vince il premio della Giuria al Festival di  Cannes e sei Cesar (a Milano davanti alla Sala 4 della multisala Odeon la gente fa la coda ogni pomeriggio per poter entrare alle proiezioni). Dopo la presentazione nel 2017 dei Six Portraits XL a Filmmaker, Alain  Cavalier torna anche quest’anno alla manifestazione proponendo tre film scelti da lui stesso. Si tratta di Etre vivant et le savoir, 2019 (domenica 17 ore 20.00 al cinema Beltrade, prima italiana con la sua presenza); La Rencontre, 1996 (lunedì 18 ore 19.30 all’ Arcobaleno Film Center); Iréne, 2009 (martedì 19 ore 19.30 all’ Arcobaleno Film Center) e Martin et Léa, 1979 (giovedì 21 novembre ore 21.00 al Film Tv Lab).

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome