WeWorld Festival 2019, a Milano storie di donne

Il 23 e il 24 novembre 2019 al Teatro Litta di Milano la decima edizione della manifestazione dedicata all’ universo femminile attraverso il cinema

0

Dibattiti, film, performance teatrali e mostre ad accesso libero e gratuito

Saranno tre pellicole preziose a raccontare altrettante sfide per l’emancipazione femminile. Female Pleasure di Barbara Miller racconta la storia di cinque donne di cinque religioni diverse che si oppongono alla demonizzazione della sessualità femminile a opera degli integralisti religiosi, mentre Le Invisibili, di Louis-Julien Petit, vede protagoniste quattro assistenti sociali dell’Envol, un centro diurno che fornisce assistenza alle donne senza fissa dimora. Quando il Comune decide di chiuderlo, si lanciano in una missione impossibile: dedicare gli ultimi mesi a trovare un lavoro al variopinto gruppo delle loro assistite, abituate a vivere in strada. E infine lo struggente For Sama di Waad al-Kateab e Edward Watts, un viaggio intimo ed epico nell’esperienza femminile della guerra. In forma di una lettera d’amore di una giovane madre a sua figlia, il film racconta la storia della vita di Waad al-Kateab attraverso i cinque anni della rivolta di Aleppo, in Siria, dove si innamora, si sposa e dà alla luce Sama, mentre il conflitto intorno a lei diventa catastrofico. Al Festival milanese  saranno  presenti Letizia Battaglia, Eva Cantarella, Donatella Finocchiaro, mentre ospite speciale sarà Roberto Saviano con un monologo inedito sulle donne e i bambini che il nostro Paese sta lasciando indietro. Il cartellone propone in anteprima il film-documentario Shooting the Mafia sulla celebre fotografa Letizia Battaglia e una mostra declinata al femminile di suoi più importanti scatti di Mafia. Si inizia sabato mattina con una grande protagonista della cultura italiana, Eva Cantarella e il suo nuovo libro Gli inganni di Pandora (Feltrinelli). Partendo dal mito di Pandora, momento che ha sancito la percezione d’inferiorità delle donne nella storia antica, la scrittrice ripercorre l’origine delle discriminazioni di genere nel pensiero occidentale.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome