Vasco Rossi batte se stesso anche al cinema: oltre 50mila biglietti venduti

0
Vasco Non Stop Live 018+019
Foto di Elodie Esposito

Sono stati 50.034, per un incasso complessivo di 705.336 euro (dati Cinetel), gli spettatori che in tre giorni sono andati al cinema per vedere Vasco Non Stop Live 018+019, il film-concerto girato da Pepsy Romanoff che documenta gli ultimi due anni di tour di Vasco Rossi.

Nel dettaglio:
17.288 spettatori e 241.134 euro di incasso lunedì 25/11;
17.282 spettatori e 244.495 euro di incasso martedì 26/11;
15.464 spettatori e 219.707 euro di incasso mercoledì 27/11.

Numeri da capogiro, addirittura superiori alla precedente uscita nelle sale del Blasco: nel 2017, per Vasco Modena Park, film che documentava il concerto del record del mondo, in cinque giorni di programmazione (due in più rispetto a quest’anno) i biglietti venduti furono 49.409 e l’incasso di 687.435 euro (clicca qui).

Un successo senza mezzi termini, dunque, per un lavoro che ha lasciato soddisfatti tutti i fan che si sono recati al cinema per rivivere le emozioni dei più recenti concerti di Rossi. A dispetto del titolo, il film è molto incentrato sul tour di quest’anno ed in particolare sulle sei date di San Siro. Scelta francamente condivisibile, anche considerando che la scaletta del 2019 era decisamente superiore a quella del 2018.

Solo tre canzoni sono state riprese dal concerto dell’anno passato: E adesso che tocca a me, Il mondo che vorrei e Stupido Hotel. Anche in questo caso, va riconosciuto, scelta azzeccata, perché furono senza dubbio i pezzi più emozionati del 2018.

Pepsy Romanoff, come un giocatore di basket alle prese con la regola dei tre secondi (nel suo caso, la durata massima di un’inquadratura), confeziona un montaggio “vivace”, ma che ha una sua efficacia. Merito anche di immagini davvero molto belle, alternate con gusto. Molto buono anche il sonoro, in grado di rendere con efficacia il suono della band e la voce di Vasco. A dirla tutta, per alcune canzoni, il film ha permesso ai fan di capire davvero certi arrangiamenti che nella bolgia del live venivano percepiti per forza di cose in maniera molto meno nitida.

Se Vasco è la star di tutta l’operazione, l’alter ego è Vince Pastano, chiamato a fare da contrappunto a Rossi nello spiegare come nei mesi precedenti nascano scaletta ed arrangiamenti. Immagini delle prove, riflessioni in ordine sparso, lavoro e divertimento: il film rende molto bene l’idea di cosa voglia dire preparare un tour di Vasco, per quanto si resti sempre sul piano di un prodotto “ufficiale” che, giocoforza, deve comunque rispettare i canoni di una narrazione oramai da (troppi) anni codificata. Tanti interrogativi restano senza risposta, sia per quanto riguarda la band che le scelte di scaletta, ma forse non era questa la sede per rispondere alle domande che alcuni fan si sono posti negli ultimi anni.

Resta una curiosità: Questa storia qua, il film documentario del 2011, si concludeva con le immagini dell’ingresso di Vasco sul palco, ripreso di spalle e pronto a dare il via al concerto (clicca qui): Vasco Non Stop Live 018+019, invece, si chiude (ed anche si apre) con le immagini di un Vasco felice che si allontana dallo stadio subito dopo la fine del concerto, in compagnia dell’inseparabile Willy Marano e del dottor Gatti. La chiusura del cerchio.

Il film sarà ora inserito in formato dvd e bluray nell’edizione superdeluxe del cofanetto Vasco Nonstop Live, in uscita il 6 dicembre. Prezzo superiore ai 100 euro (varia a seconda degli store).

I primo minuti:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Il trailer:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran, iniziata nel 2000 e che prosegue tuttora. Per 15 anni ho collaborato anche con il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 e fino alla sua chiusura ho curato il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome