Francesco Guccini al Corriere della Sera: «Questa destra è feroce, cattiva»

0
Francesco Guccini

Sul Corriere della Sera di oggi c’è una luna intervista a Francesco Guccini. L’inviato Mario Ascione è andato a trovarlo nella sua Pàvana, e il “maestrone” parla a ruota libera di politica.

Dopo essersi autodefinito «Forse libertario… Io sono sempre stato un azionista. I miei riferimenti erano Giustizia e libertà, i fratelli Rosselli», dice che oggi il suo partito di riferimento è «il PD. Meglio Zingaretti, ma lo votavo anche quando c’era Renzi. La sinistra ha sempre questo dramma, seimila correnti, è così dal congresso di Livorno».

Riguardo le elezioni in Emilia Romagna, quando l’intervistatore chiede «Vince la Lega?», risponde: «Non credo, questa è una Regione governata bene. C’è un’ottima sanità e anche la scuola… Beh, quella lasciamola perdere, la scuola è un problema nazionale. Ma certi sondaggi, persone più addentro di me mi dicono che può andare bene».

Poi accosta la Lega al fascismo, spiegando: «Il fascismo ha molti modi di presentarsi. È ovvio che non può essere quello di allora. Ma questa destra è feroce, cattiva. Una destra che ha chiesto pieni poteri. C’è un’anziana signora sopravvissuta ai campi di concentramento, come Liliana Segre, costretta a girare con la scorta».

Parlando dei 5 Stelle, invece, dice: «Diciamo che hanno l’entusiasmo dei giovani che abbracciano completamente una causa ma che una volta al governo scoprono di non poter fare più i duri e puri. Certo, sarebbe meglio se qui dessero una mano».

Riguardo le “sardine”, afferma: «È un fenomeno divertente. È bello riappropriarsi della piazza. Una piazza può gridare libertà». E quando l’inviato del Corriere gli domanda se sarebbe pronto a farsi anche lui sardina nel caso lo invitassero, risponde: «Potendo, perché no».

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Massimo Poggini
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino) e "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi". Ultimo libro uscito: "Massimo Riva vive!", scritto con Claudia Riva.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome