I passi leggeri, un film di Vittorio Rifranti

Giovedì 5 dicembre al cinema Mexico di Milano e venerdì 6 dicembre 2019 al cinema Apollo 11 di Roma l’opera seconda del regista formatosi alla scuola di Ermanno Olmi

0

L’autore e il cast saranno presenti in sala

Don Luca è un sacerdote in una parrocchia della campagna a sud di Milano. Di giorno officia i riti e si raccoglie in preghiera. Di notte, invece, ha imparato a convivere con l’insonnia. Tolti gli abiti sacerdotali, prende l’auto e viaggia verso la città, attraversandola fino all’alba. Osserva la vita notturna, da cui è attratto e allo stesso tempo turbato. Porta aiuto a chi incontra: cibo, denaro, anche droga talvolta a chi ne ha bisogno per sopravvivere. Questo sacerdote, interpretato da Fabrizio Rizzolo, è divisa tra la quotidianità che sente ormai priva di senso e il confronto con la sofferenza e la marginalità. I passi leggeri, un’opera coraggiosa “sulla lucidità del dolore” che, seguendo il percorso interiore di un prete e di un uomo, affronta il rapporto contraddittorio con la fede e con la ritualità. Vittorio Rifranti, allievo di “Ipotesi cinema” di Ermanno Olmi, vincitore con il suo primo lungometraggio Tagliare le parti in grigio del Pardo d’Oro come Miglior Opera Prima al 60° Festival di Locarno, torna dietro la macchina da presa per raccontare la storia di un uomo, di un sacerdote, spinto dalla voglia di uscire dalla sofferenza pronto a mettere a rischio la propria fede. Una pellicola rigorosa, quella di Rifranti, che tratteggia un protagonista fuori dagli stereotipi affidandosi a uno stile realistico ed intimo insieme, senza sbavature e titillamenti. Il film, una produzione indipendente targata Magic Movies, proseguirà il suo cammino in altre sale italiane.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome