20 dicembre 1946, esce La vita è meravigliosa

0

Mentre il dopoguerra in Italia viene rappresentato attraverso il neo-realismo, negli USA invece si celebra la bellezza della vita di tutti i giorni come il migliore dei mondi possibili. Frank Capra (che aveva già diretto film di grande successo negli anni ’30 e ’40, il più famoso dei quali fu Mr. Smith va a Washington), figlio di emigrati siciliani, non ne può più degli orrori e delle misere della Seconda Guerra Mondiale (aveva diretto svariati documentari di propaganda ed era anche stato sul campo di battaglia) e decide che l’America e il mondo hanno bisogno di luce e di speranza, ovunque sia. La vita è meravigliosa, in cui George (James Stewart, che ha sempre dichiarato essere questo il suo film preferito di tutti i tempi) viene salvato dall’angelo Clarence che gli mostra tutto il bene che ha fatto nella sua vita, potrà pure sembrare buonista (e lo è), ma in mezzo a tutto il product placement nel film ( si va dalla Coca Cola alle Lucky Strike all’Aspirina) e le atmosfere da cartoline di Natale, è la quintessenza dell’ottimismo yankee che in qualche modo fu anche esempio per un Europa divisa dall’odio e decimata dalla guerra. Per tanti versi, ne ebbero bisogno tanto quanto del Piano Marshall: ogni giorno, ogni vita conta per sé e per gli altri: “strano eh? La vita di ciascuno ne tocca talmente tante altre, quando non c’è più, lascia un gran vuoto, eh?”

Altre ricorrenze

  • 1960, nasce il regista coreano Kim Ki Duk di Ferro 3 e Primavera, Estate, Autunno, Inverno… (ecc)
  • 1971, esce Harold e Maude, commedia di Hal Ashby
  • 1979, esce All That Jazz, di Bob Fosse, protagonista Roy Scheider
  • 1983, nasce Jonah Hill, attore in The Wolf of Wall Street e Moneyball
  • 1991, muore Walter Chiari, attore, comico, presentatore, artista completo
  • 1991, esce JFK Un caso ancora aperto, monumentale film denuncia di Oliver Stone sull’assassinio di Kennedy

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome