26 dicembre 1971, nasce Jared Leto

0

Per tanti versi, il vero erede di David Bowie, nello spirito se non nel talento. Nato in una comunità hippie, il suo primo talento è quello musicale: Jared Leto è infatti fondatore e frontman dei 30 Seconds to Mars, dove ottiene un successo planetario. Le sue doti scenografiche lo fanno notare ai cineasti e ottiene il suo primo ruolo principale nell’horror Urban Legend.

Da qui in poi, Jared cerca e interpreta ruoli spesso controversi, e sempre difficili, tra cui: una piccola parte ne La Sottile Linea Rossa (1998) di Malick; la parte principale in Requiem per un sogno (2000) di Aronofsky tratto da Hubert Selby jr, dove interpreta lo spacciatore eroinomane che svende la fidanzata; continua con Oliver Stone, dove è l’amante omosessuale di Alessandro Magno nel criticatissimo Alexander (2004); infine l’apoteosi: in Dallas Buyers Club (2013) interpreta Rayon, trans malata terminale di AIDS. Insieme a Matthew McConaughey vinceranno entrambi l’Oscar.

Non solo: è il  Joker in Suicide Squad (ruolo che riprenderà a brevissimo nel seguito di SS), e il cattivo in Blade Runner 2049. Sempre fantasy nel suo immediato futuro: oltre al seguito di Suicide Squad, sarà star per il disneyano Tron 3 e il marvelliano Morbius.

Sempre in prima linea. In Ucraina nel 2014 per un concerto, incita i supporter nella crisi coi russi sul bordo della guerra: «siete davvero nel mezzo di qualcosa di meraviglioso, potrà essere difficile, ma nessun prezzo è troppo alto per il privilegio di possedere se stessi».

 

Altre ricorrenze

  • 2000, muore Jason Robards, attore in C’era una volta il West e The Day After

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome