Piccole donne

La versione di Greta Gerwig

0

Piccole donne
di Greta Gerwig
con Saoirse Ronan, Emma Watson, Florence Pugh, Eliza Scanlen, Timothée Chalamet. Voto: aggiornato

Confessiamo di non aver mai letto il romanzo Piccole donne e di poter fare solo paragoni con i film precedenti. Ci è stato spiegato che la Gerwig ha mescolato episodi del romanzo, episodi della biografia di Louisa May Alcott, episodi della sua vita di attrice e regista (Frances Ha, Lady Bird) e ha inteso dare un visione femminista della vicenda incentrata sulla fatica delle donne a conquistarsi un posto in un mondo maschile. Inoltre, in un’intro al film, la Gerwig stessa ha spiegato che la sua versione di Piccole donne è cubista. Il che è inesplicabile. Abbiamo ritrovato Jo che diventerà scrittrice, e scriverà e correggerà quel che vediamo sullo schermo, Beth che desidera suonare il pianoforte dei Lawrence e sta per lasciare anzitempo la vita, Amy che distrugge il primo manoscritto di Jo e alla fine impalma il primo amore di Jo, Meg che quel che spera dalla vita è recitare, ma poi opta per il matrimonio, perché come dice la zia (che non ha sempre ragione ma non ha mai torto) o sposata o morta. Poi c’è il papà nella guerra di Secessione, la mamma indomita che insegna il buon cuore e i due amori/non amori dell’irrequieta Jo, Laurie l’indeciso e il signor Baher l’intellettuale. Le vera novità è che nel finale (postmoderno? letterario?) Jo (e Greta Gerwig) si fondono con Louisa May Alcott: e ottengono la pubblicazione di Piccole donne. Se uno non lo sa crede che sia il vero finale del libro. L’altra differenza è che gli attori sembrano sapere di non essere i protagonisti del libro ma di un film sul libro che si fonde col libro nel film. Moderno con birignao,  ok.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome