Dove osano i pirati: una playlist per Marco Pantani

0
Marco Pantani

Marco Pantani era nato a Cesena il 13 gennaio 1970, quindi oggi compirebbe 50 anni. Secondo molti è stato il più forte scalatore di sempre. Ma quel che più conta è che per tutto gli anni della sua carriera fece amare il ciclismo a tantissima gente. Poi quella maledetta notte, 14 febbraio 2004, in un hotel di Rimini. A distanza di quasi 16 anni le circostanze della sua morte sono ancora avvolte dal mistero. Ma almeno oggi non vogliamo parlare di questo. Oggi vogliamo celebrare il grande campione che fu, l’uomo che dava del tu alle nuvole.

Le sue straordinarie imprese sono ancora negli occhi e nel cuore di chiunque ami il ciclismo. Per esempio, ci piace ricordarlo sulla salita di Oropa, non a caso ribattezzata “salita mito di Pantani”. Sull’ascesa verso il Santuario della Madonna Nera, infatti, nel 1999 il Pirata fu protagonista di una delle sue imprese più leggendarie: attardato da un incidente meccanico, rimontò la bellezza di 60 corridori, tagliando per primo il traguardo. Soltanto sei giorni dopo fu squalificato per valori ematici anomali. Ma quella vicenda nasconde qualche lato oscuro mai chiarito del tutto.

L’impresa di Oropa, in ogni caso, fu soltanto una delle molte che lo videro protagonista sulle Alpi come sui Pirenei: Alpe d’Huez, Selva di Valgardena, Plan di Montecampione, Galibier. Giro e tour nello stesso anno. Diverse classiche.

Per questo oggi vogliamo celebrare uno che quelle salite le affrontava con tutta la rabbia che aveva dentro. A Marco Pantani sono state dedicate parecchie canzoni, del resto il suo modo di essere, di alzarsi sui pedali quando scattava, di divorarsi la vita in senso letterale hanno ispirato molti autori. E allora ecco la playlist che le canzoni che parlano di lui…

E mi alzo sui pedali degli Stadio

In fuga di Francesco Baccini

L’ultima salita dei Nomadi

Prendi in mano i tuoi anni dei Litfiba

Senza un vincitore di Alexia

Rimini dei Les Wampas

Dove osano i pirati di Francesco Bejor

MP nella BG di Giorgio Canali

Le rose di Pantani di Claudio Lolli

Uomo in fuga di Riccardo Maffoni

La bandana di Gianni Scribani

Se ti è piaciuto questo post, leggi anche:

È bello pedalare: una playlist sul ciclismo

Canzoni per Coppi, Bartal, Gimondi, Mercks & gli altri

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome