I 30 anni di love story tra Masini e il Festival: nove partecipazioni e due trionfi

0
Marco Masini
©Angelo Trani

Quella di Marco Masini col Festival di Sanremo si potrebbe quasi definire una storia d’amore lunga 30 anni: è proprio sul palco dell’Ariston che il cantautore toscano ha esordito ben 30 anni fa, trionfando nella sezione Nuove Proposte con Disperato.

Quest’anno, dopo nove partecipazioni e un’altra vittoria (nel 2004 con L’uomo volante) torna in gara con Il confronto, brano scritto insieme a Federica Camba e Daniele Coro. Lo stesso terzetto aveva scritto anche Che giorno è, canzone in gara nell’edizione del 2015.

Masini è uno dei veterani del Festival di Sanremo: quella di quest’anno, infatti, sarà la sua nona partecipazione. In questa particolare classifica tra i partecipanti a Sanremo 70 è superato solamente da Michele Zarrillo, che è ben lontano a quota 13.

Disperato, Sanremo 1990

Il Maso, come lo chiamano i suoi fan, aveva debuttato al Festival di Sanremo esattamente 30 anni fa, trionfando nella sezione Nuove Proposte con Disperato, che gli valse anche il Premio della Critica.
Fu un debutto travolgente, tanto che l’album Marco Masini, pubblicato a maggio 1990, alla fine dell’anno risultò il decimo più venduto dell’anno e il più di successo in assoluto tra tutti quelli dei partecipanti a Sanremo con oltre 350.000 copie vendute, battendo perfino i Pooh di Uomini soli, vincitori della sezione Campioni.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Perché lo fai, Sanremo 1991

L’anno dopo, forte della vittoria di Disperato e del grande successo commerciale dell’album d’esordio, è la volta di approdare tra i big.
Il brano è Perché lo fai ed anche stavolta è un successo, piazzandosi terzo alle spalle di due mostri sacri come Riccardo Cocciante, che vince con Se stiamo insieme, e Renato Zero, secondo con Spalle al muro.

C’è una curiosità da annotare su questo brano: Perché lo fai era stata composta da Giancarlo Bigazzi col titolo Un adagio per dirti addio e destinata ad Umberto Tozzi, ma il cantautore piemontese non la pubblicò ufficialmente perché l’autore alla fine preferì dare il pezzo a Masini, che ne cambiò testo e arrangiamento. Tozzi partecipò anche lui a quel Festival con Gli altri siamo noi, piazzandosi quarto, proprio alle spalle di Masini. Nell’album che i due hanno realizzato insieme nel 2006 dal titolo Tozzi Masini c’è, finalmente, una versione di Perchè lo fai cantata dal cantautore torinese.

Anche stavolta il brano ebbe molto successo, arrivando al secondo posto dei singoli più venduti e rimanendoci per sei settimane consecutive, risultando a fine anno il quinto singolo più venduto.
L’album Malinconoia, invece, vince il Festivalbar e arriva a vendere più di un milione di copie, risultando a tutt’oggi il disco di maggior successo di Masini.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Raccontami di te, Sanremo 2000

Dopo nove anni di assenza Marco torna a calcare il palco del Teatro Ariston nel 2000, in occasione dei suoi primi dieci anni di carriera. Il brano che presenta è Raccontami di te, apripista dell’album omonimo, che però arriva penultimo, al quindicesimo posto.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

L’uomo  volante, Sanremo 2004

Dopo anni difficili e burrascosi nei quali aveva annunciato il ritiro dalle scene a causa delle maldicenze sul suo conto, dell’accanimento di certa critica e della censura persecutoria di cui erano stati oggetto i suoi ultimi lavori, il 2004 è l’anno del riscatto, della rinascita, della rivincita.

L’uomo volante (canzone autobiografica a detta dello stesso Masini) tratta il tema di un uomo maturo che desidera avere un figlio e trionfa al 54° Festival di Sanremo raccogliendo il doppio dei voti della seconda classificata, segnando il ritorno da vincitore di Marco Masini, che dedica la vittoria a Mia Martini, vittima delle stesse dicerie e forse meno forte nell’affrontarle.

Pillola statistica: Marco è secondo nella speciale classifica degli artisti che hanno atteso più a lungo tra due vittorie al Festival. Tra quella del 1990 e quella del 2004 sono passati infatti ben 14 anni. Davanti a lui ci sono solo i Matia Bazar, vincitori prima nel 1978 con …e dirsi ciao e poi nel 2002 con Messaggio d’amore, quindi con ben 24 anni di distanza tra i due successi.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Nel mondo dei sogni, Sanremo 2005

Dopo la vittoria è il momento di tornare a difendere la corona conquistata l’anno prima, e nel 2005 Masini torna ancora una volta, la quinta, al Festival di Sanremo. Il brano in gara è Nel mondo dei sogni, scritta da Marco con Beppe Dati e Goffredo Orlandi, gli stessi autori de L’uomo volante. In un’edizione strana, con tante categorie (uomini, donne, gruppi, classic) il cantautore fiorentino riesce ad approdare alla finale ma non bissa il successo dell’anno precedente. Il brano entra a far parte dell’album Il giardino delle api, che contiene oltre alla versione originale in gara anche quella presentata nella serata dei duetti insieme a Jessica Morlacchi.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

L’Italia, Sanremo 2009

Nel 2009 è Paolo Bonolis, conduttore già nel 2005, a volere a tutti i costi al Festival Marco Masini e il suo brano L’Italia, inizialmente scartato dalla rosa dei partecipanti. La canzone suscitò non poche polemiche per il tema trattato e per le frasi di denuncia verso il proprio Paese, come “è un paese, l’Italia, dove un muro divide a metà / la ricchezza più assurda dalla solita merda” o “è un paese, l’Italia, che ci ha rotto i coglioni”. Particolare l’esibizione della serata dei duetti, in cui l’attore Francesco Benigno e il cantautore si rimpallano il testo del brano, tra recital e canzone. L’Italia riuscì a qualificarsi per la finale, senza però arrivare sul podio.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Che giorno è, Sanremo 2015

A sei anni di distanza dall’ultima partecipazione, Masini torna per la settima volta al Festival, con un brano scritto insieme a Federica Camba e Daniele Coro, dal titolo Che giorno è.

Nell’anno della vittoria dei giovani-vecchi de Il volo probabilmente Marco raccoglie poco rispetto all’ottimo valore del pezzo presentato e si piazza solamente al sesto posto.

In concomitanza col Festival viene pubblicato Cronologia, raccolta in tre dischi che ripercorre in maniera perfettamente cronologica la carriera del cantautore fiorentino, scorrendo a ritroso nel tempo. Oltre al brano in gara il disco contiene altri quattro inediti più Sarà per te, brano di Francesco Nuti presentato nella serata degli omaggi e piazzatosi terzo nella relativa mini-classifica.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Spostato di un secondo, Sanremo 2017

L’ultima partecipazione come artista in gara risale a tre anni fa, con Spostato di un secondo, scritto insieme a Zibba e Diego Calvetti.
La canzone arriva in finale classificandosi al sedicesimo posto e viene inserita nell’album omonimo, pubblicato durante la settimana del Festival. Nella tracklist del disco anche Signor Tenente, brano che Giorgio Faletti portò sul palco dell’Ariston nel 1994 e che Masini ha proposto nella serata degli omaggi, arrivando nuovamente al terzo posto.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Ma oltre alle esibizioni in gara Marco Masini è stato per due volte anche ospite di altri colleghi nella serata dei duetti: nel 2010 duetta con Povia sulle note de La verità mentre nel 2018 è Red Canzian a chiamarlo sul palco del Festival per cantare insieme Ognuno ha il suo racconto.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome