Irene Grandi torna a Sanremo per la quinta volta: con un pezzo di Vasco ha già sfiorato la vittoria

0
Irene Grandi
@Arash Radpour

Quella di quest’anno sarà la quinta partecipazione (in gara) di Irene Grandi al Festival di Sanremo. Un palco, quello dell’Ariston, che ha sempre portato fortuna alla cantante di Firenze, che proprio nella città dei fiori ha vissuto alcune tappe fondamentali della sua carriera.

Fuori, Sanremo 1994

Il rapporto di Irene Grandi con il Festival di Sanremo inizia nel novembre del 1993, quando pressoché sconosciuta si presenta in gara a Sanremo Giovani, un concorso voluto dalla Rai e da Pippo Baudo per selezionare le “Nuove Proposte” del Festival del 1994. Irene canta nel corso della prima serata, la canzone si intitola Un motivo maledetto e le consente di ottenere un pass per l’Ariston.

Il brano che porta a Sanremo nel 1994 si intitola Fuori ed è scritto dalla stessa Grandi, insieme a Telonio, suo stretto collaboratore nella prima fase della sua carriera. La canzone arriva quarta fra le Nuove Proposte, alle spalle del vincitore Andrea Bocelli (che si impone con Il mare calmo della sera), ma anche di Antonella Arancio e Danilo Amerio. In classifica Irene supera però un’altra cantante che negli anni a venire avrà un enorme successo: Giorgia.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

La tua ragazza sempre, Sanremo 2000

La prima partecipazione al Festival è un trampolino di lancio che funziona per Irene Grandi, che negli anni successivi diventa un nome importante della musica italiana. Così, quando nel 2000 decide di tornare a Sanremo, lo fa tra i Campioni e con un brano che ha tutte le carte in regola per vincere la kermesse. La canzone si intitola La tua ragazza sempre ed è firmata Vasco Rossi e Gaetano Curreri, due che raramente sbagliano un colpo. Il brano è perfetto per Irene e fa centro. Meriterebbe il successo, ma deve accontentarsi del secondo posto: la giuria di qualità premia infatti la Piccola Orchestra Avion Travel e la loro Sentimento. Uno dei tanti misteri del Festival di Sanremo.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

La cometa di Halley, Sanremo 2010

Il terzo millennio vede Irene Grandi ancora protagonista. Nel 2007, all’interno di una raccolta, pubblica uno dei suoi più grandi successi: Bruci la città. La canzone, scritta per lei da Francesco Bianconi dei Baustelle, era stata presentata al Festival, ma scartata dai selezionatori. Un incredibile errore. Il ritorno a Sanremo è così rimandato di tre anni. Avviene nel 2010, quando Irene si presenta all’Ariston con un’altra canzone scritta insieme a Bianconi: La cometa di Halley. Arriva settima (vince Valerio Scanu con Per tutte le volte che…), ma piace al pubblico e alle radio, che nei mesi successivi la passano senza sosta.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Un vento senza nome, Sanremo 2015

L’ultima partecipazione (in gara) di Irene a Sanremo risale al 2015. La canzone si intitola Un vento senza nome ed è scritta dalla stessa Grandi, insieme a Saverio Lanza. Il pezzo è bello, ma non ottiene il successo sperato ed in classifica si piazza appena dodicesimo. Vince Il Volo con Grande amore.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irene Grandi ha riassaggiato il palco dell’Ariston lo scorso anno, quando è stata chiamata da Loredana Bertè a duettare con lei, nel corso della quarta serata. La canzone, Cosa ti aspetti da me, è poi arrivata quarta.

Quest’anno invece Irene torna in gara. Lo fa con una canzone, Finalmente io, scritta per lei da due vecchi amici come Vasco Rossi e Gaetano Curreri (ma ci sono anche le firme di Roberto Casini e Andrea Righi). Nomi importanti per un pezzo già candidato ad un ruolo di primo piano nel Festival targato Amadeus.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome