Rossella O’Hara, ritorna l’eroina di Via col vento

Sabato 8 febbraio 2020 alle ore 14.30 al Cinemino in via Seneca, 6 Milano Mariarosa Mancuso e Maria Grazie Ligato introducono la proiezione del film di Victor Fleming

0

In occasione dell’uscita del romanzo nuovamente tradotto e pubblicato da Neri Pozza

David O. Selznick, potente boss di Hollywood, innamoratosi del romanzo- best seller e Premio Pulitzer di Margareth Mitchell, decide di ricavarne un kolossal sulla Guerra civile americana che diventerà una  delle più appassionanti storie d’amore viste sugli schermi. È il 1936 quando il progetto viene iniziato e la produzione durerà ben tre anni tra difficoltà di ogni tipo. Dopo aver licenziato George Cukor e Sam Wood, la regia è affidata a Victor Fleming e per interpretare la protagonista, la ricca ereditiera Rossella O’Hara, una tipica bellezza del sud, viene alla fine scelta l’inglese Vivien Leigh, mentre il ruolo della dolce Melania, la sposa di Ashley (Leslie Howard), il cugino di Rossella, è assegnato a Olivia de Havilland. A Clark Gable tocca la parte di Rhett Butler, il marito di Rossella che in un primo tempo doveva andare all’attore inglese Basil Rathbone (poi famoso per la serie cinematografica su Sherlock Holmes). La pellicola esce in anteprima ad Atlanta il 15 dicembre 1939 (in Italia il 3 novembre 1951) ottenendo da subito un enorme successo guadagnandosi anche otto premi Oscar tra i quali quello dell’attrice non protagonista, Hattie McDaniel, la governante di colore e prima interprete nera a vincere la preziosa statuetta. Nel 1977 una nuova edizione della pellicola è stata distribuita in Italia con un inedito doppiaggio privo di quel tono razzista e sessista dell’epoca, grazie alla direzione di Mario Maldesi e ai dialoghi di Roberto De Leonardis. Anche la nuova traduzione del romanzo pubblicata da Neri Pozza ha voluto rinnovare quella data ed imposta dall’autarchia linguistica del Fascismo apportando un radicale cambiamento nel modo di parlare degli schiavi che sfiorava il grottesco. La proiezione al Cinemino sarà in versione originale sottotitolata e rimasterizzata da Warner Bros.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome