Il cinema di frontiera di Sam Peckinpah

Lunedì 10 febbraio 2020 ore 21 al Cineforum del Circolo Viale Monza, 140 Milano, la presentazione del libro di Antonio Pettierre dedicato all’autore di western immortali

0

Nel corso della serata sarà proiettata una selezione di brani dei suoi film

Nato a Fresno in California il 21 febbraio 1925, Sam Peckinpah, marine nel corso della seconda guerra mondiale e poi laureato alla University Southern California, si dedica al teatro ed in seguito è assistente di Don Siegel in televisione e sceneggiatore. Il suo esordio alla regia è con La morte cavalca a Rio Bravo, 1961, seguito l’anno successivo da Sfida nell’Alta Sierra, un western crepuscolare su di un mondo che scompare. Peckinpah si mette in evidenza per la sua rappresentazione del mondo dominato dalla violenza i cui protagonisti sono sempre individui solitari, mai vincenti e incapaci di adeguarsi a una realtà incentrata sul profitto e sulle sue leggi.  Nel genere western ci regala perle come Sierra Charriba, 1965; Il mucchio selvaggio, 1969; L’ultimo buscadiero, 1971, Pat Garrett e Billy Kid, 1973. Nel 1971 firma una pellicola che scatena forti polemiche, Cane di paglia, 1971 con Dustin Hoffman nei panni di un mite professore americano in Cornovaglia costretto a trasformarsi in un feroce sterminatore dei suoi aggressori. Al filone gangsteristico appartengono Getaway!, 1972; Voglio la testa di Garcia, 1974; Killer Elite, 1975, mentre del 1978 è il film d’azione Convoy-Trincea d’asfalto. Peckinpah, che stilisticamente si distingue per il montaggio frenetico e l’uso del ralenti, nel 1977 gira La croce di guerra (considerato un classico del genere bellico amato da Tarantino e Orson Welles) e nel 1983 lo spionistico Osterman Weekend. Muore a soli 59 anni il 28 dicembre 1984. L’ingresso alla serata è libero.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome