Dori Ghezzi: «Che commozione rivedere Faber sul grande schermo…» (videointervista)

0
Dori Ghezzi
@Franco Oberto

Torniamo sull’argomento Fabrizio De André e PFM – Il concerto ritrovato dopo la videointervista di ieri (guardala qui) realizzata con tre elementi storici (Colombo, Fabbri e Premoli) della stessa Premiata Forneria Marconi. Stavolta è il turno di Dori Ghezzi, storica compagna (lei e De André si sposarono nel 1989 durante la lavorazione de Le Nuvole) del cantautore genovese scomparso a Milano l’11 gennaio del 1999 e che martedì prossimo, 18 febbraio 2020, avrebbe compiuto i suoi primi ottant’anni. La nostra intervista con colei che gestisce il patrimonio artistico di Faber si concentra prevalentemente sul labour of love del regista marchigiano Piero Frattari che ha salvato dal macero le preziose registrazioni-video dello show che l’autore di Amico Fragile e la PFM tennero alla Fiera di Genova nel lontano 3 gennaio del 1979.

Una chimera deandreiana di cui si è mitizzato per decenni e che ora è diventata realtà grazie al sobrio documentario firmato da Walter Veltroni in uscita al cinema i prossimi 17, 18 e 19 febbraio. Una escalation, dai contorni quasi onirici (il filmato, nonostante l’audio di valore, è pur sempre figlio dei mezzi spartani dell’epoca…), che esplora lo spazio e il tempo facendoci nuovamente capire come disparità sociali, filosofie esistenziali e provocazioni (Bocca di rosa, Un giudice) non siano granché cambiate da allora.

Dori Ghezzi

Eppure Dori si spinge molto più in là parlandoci anche della ritrosia del marito (per non dire enorme timidezza) a finire sotto l’occhio delle telecamere, di come questo “bootleg visivo” suoni talmente bene che forse un giorno diventerà un disco ufficiale vero e proprio, della parsimonia nel gestire cotanta eredità musicale («Qualcuno la deve pur dare l’ultima parola e spesso tocca a me» ), di come sarebbe bello realizzare una antologia-video di tutti i singoli interventi live di Fabrizio (soprattutto tratti dall’immenso archivio RAI), di certi suoi languori a ripensare a quel ’78/’79.

Trovate tutto qui sotto. Buona visione e, soprattutto, buon compleanno a chi ha vissuto in direzione ostinata e contraria.

Ah, piccolo spoiler in extremis che capirete appieno solo dopo essere andati al cinema. Siamo dalla tua parte, Faber: quell’esoso telefonino ha avuto davvero ciò che si meritava…

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Guarda qui la nostra video-intervista alla PFM + Guido Harari.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome