La mia banda suona il pop

Una reunion di cantanti sfigati copre un furto internazionale. Vabbè

0

La mia banda suona il pop
di Fausto Brizzi
con Christian De Sica, Diego Abatantuono, Massimo Ghini, Paolo Rossi, Angela Finocchiaro.
Voto: lasciamo stare

Per il capriccio di un oligarca russo che vuole ascoltarli al suo compleanno il manager Abatantuono va a recuperare i quattro membri del gruppo dei Pop Corn, in auge negli Ottanta, oggi disastrati: De Sica cantante per cafonissimi ambigui, Ghini negoziante cacciato di casa, la Finocchiaro alcolista da una vita e Rossi più per strada che cantante di strada. Un film sulla fine delle illusioni? No. I quattro servono a derubare l’oligarca con un piano da brutto film internazionale. Poi verrebbero eliminati. Allora lo derubano loro. Se avete visto i quattro attori a Sanremo per il lancio del film avete già visto tutto il repertorio musicale e i travestimenti. L’idea iniziale da carina diventa scombiccherata e poi tirata via. I temi ripetuti alla noia sono che la Finocchiaro si è data a tutti, che Rossi che stava con lei era un cornuto, che Ghini è sfranto e De Sica fallito. Dopo un po’ non fa molto ridere. Per un film comico è triste.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome