Buñuel – Nel labirinto delle tartarughe, film di Salvator Simó

Dal 5 marzo 2020 nella sale italiane il lungometraggio animato che ripercorre la svolta artistica del grande regista spagnolo e l’abbandono del Surrealismo

0

La pellicola ha vinto il premio della giuria al Festival di Amnecy

È il 1930 e dopo l’amara delusione lasciata dall’esito infausto del suo film L’âge d’or, il cineasta Luis Buñuel prende le distanze dal suo amico e collaboratore Salvador Dalì per cercare altre strade. La fortunata vincita alla lotteria dell’amico scultore Ramón Acín permette a Buñuel di partire per un nuovo progetto: documentare la vita a Las Hurdes, una delle zone più povere della Spagna, al confine con il Portogallo, lasciandosi alle spalle il Surrealismo per una ricerca più legata al reale. Grazie a una suggestiva combinazione tra animazione ed estratti tratti dall’opera filmica originale Las Hurdes, il film di Salvator Simó ispirato alla graphic novel di Fermín Solín, ci propone un viaggio affascinante e drammatico da cui emerge un momento chiave della vita del cineasta, in bilico tra la ricerca di una sua libertà espressiva e i nodi irrisolti di un passato più e meno recente. Sarà infatti dal documentario Las Hurdes del 1933 che il regista prenderà nettamente le distanze dal Surrealismo realizzando un’opera sull’arretratezza di una regione priva di strade e di elettricità, devastata dalla povertà e dalla diffusione di malattie. Il mediometraggio crudo e drammaticamente neorealista, verrà censurato dalla Repubblica spagnola per la sua schiettezza e in seguito usato come strumento di propaganda contro il regime franchista.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome