Riapre il MIC – Museo Interattivo del Cinema di Milano!

Dal 3 all’8 marzo 2020 due visite guidate su un tema specifico: dai giochi ottici del precinema alla Milano cinematografica alle grandi dive del cinema muto

0

Un omaggio ai personaggi della storia del cinema, Charlie Chaplin, Buster Keaton, Georges Méliès

Si parte martedì 3 marzo alle ore 11.00 un viaggio per scoprire insieme i giochi ottici che anticiparono l’idea di cinema, come la lanterna magica, il pantoscopio e il fenachistoscopio, mentre alle ore 15.50 sarà la volta di un percorso museale sulle comiche ai tempi del cinema muto, il genere di maggior successo dell’epoca, con protagonisti alcuni dei più grandi artisti che rivoluzionarono la storia della Settima Arte: Charlie Chaplin, Buster Keaton e Cretinetti, il personaggio ideato e messo in scena da André Deed. Mercoledì 4 marzo alle ore 11.00 si tratterà del grande maestro Georges Méliès, regista, attore, sceneggiatore, scenografo, nonché inventore degli effetti speciali e grande mago, in un viaggio nel cinema delle origini, per svelarne i meravigliosi trucchi che hanno reso i primi film piccoli e intramontabili gioielli. Alle ore 15.30 ci si tufferà invece nel magico mondo del Carosello, in un percorso emozionante dal pulcino Calimero a La Linea di Osvaldo Cavandoli, attraverso cimeli, tavole originali, rodovetri dei grandi autori e naturalmente la produzione video. Giovedì 5 marzo alle ore 11.00 il percorso museale è dedicato alla città di Milano e il suo rapporto con il cinema, dalle immagini in stereoscopia di Milano degli anni Dieci del Novecento, ai set cinematografici a Milano passando per il doppiaggio di alcuni intramontabili capolavori girati nella nostra città. Alle ore 15.30 tocca a un focus tecnologico sull’interattività di cui è dotato il museo e sulle mille porte che queste applicazioni aprono agli spettatori: il museo dei sogni prende vita grazie ai tablet e agli oculus, i bozzetti diventano video, i manifesti e le lanterne magiche si animano in una visita ad altissimo tasso d’interattività. Sabato 7 marzo alle ore 15.30 protagonista è la musica nel cinema di Gianini e Luzzati, per ripercorrere la carriera di due artisti che con il loro estro hanno portato in alto il cinema d’animazione italiano. Si chiude domenica 8 marzo alle ore 15.50 con la Festa della Donna e un appassionante viaggio nelle storie delle dive del cinema muto che hanno reso grande la Settima Arte: Lyda Borelli, Francesca Bertini, Leda Gys, Pina Menichelli e altre intramontabili grandi attrici. Per tutta la settimana saranno anche potenziate le visite per scoprire l’archivio storico dei film attraverso un percorso reso unico dalla realtà aumentata. Il percorso permette di rivivere la magica Milano del passato, la sua storia e le sue memorie passeggiando nel tempo attraverso i filmati visibili grazie alla tecnologia degli Smartglass Epson Moverio. Le visite si svolgeranno da martedì 3 a venerdì 6 marzo con due appuntamenti giornalieri alle ore 12.00 e alle ore 16.30, sabato 7 e domenica 8 con un appuntamento giornaliero alle ore 16.30.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome