Silvia Conti torna al blues con “L’incrocio del diavolo”

0
Silvia Conti

E’ da poco uscito il nuovo singolo di Silvia Conti. Si intitola L’incrocio del diavolo e segna per la cantautrice toscana un ritorno al blues. Nel brano hanno suonato Roberto “Bob” Mangione (chitarra elettrica e armonica), Tiziano Massoni (chitarra acustica), Fabrizio Morganti (batteria), Lorenzo Forti (basso), Lele Fontana (pianoforte/Hammond) e Claudio Giovagnoli (sax). Gianfilippo Boni si è invece occupato della produzione presso il Paso Doble Studio.

Silvia Conti

Silvia Conti è nata a Firenze nel 1962 ed è diventata famosa vincendo il Festival di Castrocaro nel 1983 e partecipando al Festival di Sanremo nel 1985, nella sezione Nuove Proposte, con la canzone Luna nuova. Negli anni successivi ha affiancato alla sua attività di cantautrice anche quella di attrice, dividendosi fra musica e teatro. Il suo ultimo disco si intitola A piedi nudi (psichedeliche ipnotiche nudità) ed è stato pubblicato da RadiciMusic.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome